Questo sito contribuisce alla audience di
HighlightsNewsSegnalazioni

A Chiavenna 2 giorni contro l’omofobia. Il mondo LGBT fuori dalle grandi città

Portare le tematiche LGBT fuori dalle grandi città è importantissimo. Per questo siamo felici ed orgogliose di partecipare all’iniziativa, promossa dal Circolo Arci Mille Papaveri Rossi, “OMOFOBIA” che si terrà a Chiavenna venerdì 31 marzo e venerdì 7 aprile.

Il sottotitolo dell’evento dice tutto: “Come puoi aver paura di qualcosa che non può farti male?”. Perché il modo migliore per sconfiggere l’omofobia è raccontare chi sono davvero le persone LGBT.

Il primo appuntamento sarà all’insegna della leggerezza, con lo spettacolo teatrale comico “Modern Family 1.0”, una produzione Le Brugole e Atir Teatro Ringhiera, già presentato al Teatro Filodrammatici di Milano e sui palchi di molte città italiane (venerdì 31 marzo, ore 21, presso il Teatro Società Operaja di Chiavenna).

Uno spettacolo che parla di famiglie e che vuole raccontare le coppie di oggi e ieri, parlando della bellezza, della fatica, dell’universale diversità che accompagna la storia di ognuno di noi. Lo spettacolo gravita intorno a una famiglia composta da donne, entrando nel vivo di temi molto caldi, ma lasciando che sia la realtà senza finzione, senza retorica e senza giudizio a raccontarsi al pubblico. A presentare la serata, Milena Cannavacciuolo, ovvero La Mile di LezPop.it.

Il secondo appuntamento, che non a caso sarà ospitato dall’Istituto Leonardo Da Vinci di Chiavenna (venerdì 7 aprile, ore 20.30), partirà invece dalla proiezione del pluripremiato “2 volte genitori”, un film di Claudio Cipelletti prodotto da Agedo Onlus (Associazione genitori, parenti e amici di omosessuali) con il sostegno della Commissione Europea: un viaggio in sei capitoli che parte da “quel giorno, quell’ora e quell’istante” in cui tutto è cambiato, il momento della rivelazione dell’omosessualità di un figlio o di una figlia.

Un viaggio che traversa territori interiori impervi: all’inizio quelli della perdita, della colpa, poi quelli del bisogno di capire; i territori della conoscenza, dell’indignazione, del sesso, e quelli del confronto, della esposizione di sé, del cambiamento. Fino a quelli inattesi del “crescere da adulti” e del rinascere. Ma anche un viaggio nel nostro Paese, tra le mura domestiche delle famiglie italiane, dai figli e fratelli ai genitori, dai genitori ai nonni e poi di nuovo ai figli. Ne parleranno, con il pubblico presente in sala, la psicologa e psicoterapeuta Roberta Verando, Marco Valenti (Gay Sondrio), Dolores De Marco (mamma dell’associazione Agedo).

L’iniziativa è stata realizzata in collaborazione con LezPop, Gay Sondrio, Comune di Chiavenna, Agedo Milano Onlus, Istituto d’istruzione Leonardo Da Vinci e Istituto Professionale Crotto Caurga.

Share Button
Tags

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Close

Abbiamo notato che usi un AdBlock

Lo sappiamo che può dar fastidio, ma la pubblicità ci permette di continuare il nostro lavoro. Per favore, disabilita il tuo ad blocker!