Questo sito contribuisce alla audience di

Amélie Mauresmo. Dopo aver vinto tutto arriva anche il secondo figlio

da ila. 4.822 visite0

C’era una volta «Il meraviglioso mondo di Amélie». Ma non è il film dove una timida e stramba ragazza francese finisce per innamorarsi di un buffo e schivo ragazzo francese. Che è poi la versione che piace alla maggior parte della gente.

C’era una volta «Il meraviglioso mondo di Amélie». E questo racconta di una ragazza francese che è innamorata del tennis. È così brava che il suo rovescio a una mano è l’orgoglio della République. A un certo punto, quando ha solo diciannove anni, la ragazza francese, che di cognome fa Mauresmo (ma forse l’avevate già capito) fa succedere due cose.

Prima si porta a casa la più bella vittoria (fino ad allora) della sua carriera: e allora tutti la applaudono e le fanno delle grandi feste. Poi decide di fare come Martina. E mica la Hingis, da cui rimedia una brutta batosta in campo. No, lei vuole essere come la Navratilova, e decide di dire a tutti che è lesbica poco prima della finale degli Australia Open. E allora gli sponsor si incazzano e qualcuno straccia pure i contratti.

Quando ha trent’anni la ragazza francese, che nel frattempo è diventata una campionessa, decide di appendere la racchetta e nel 2014 diventa allenatrice dello scozzese Andrew Murray detto Sir Andy. Prima donna e pure lesbica a comandare a bacchetta uno che sta nella top 10 dell’Atp. Mica robetta. E già sarebbe un lieto fine bellissimo.

Non fosse che Amèlie – che è una che non si accontenta – decide di avere un bimbo con la sua compagna Sylvie Bourdon. Ad annunciare la nascita del piccolo Aaron, il 16 agosto 2015, è proprio Andy, che dedica alla sua coach e al nuovo nato la vittoria contro Djokovic a Montreal. E vissero tutti felici e contenti? Macchè.

Una che è stata la trionfatrice di Wimbledon mica si accontenta di poco. Adesso, a 37 anni, Amélie si prepara a dare alla luce un altro bambino. O una bambina, chissà. Per questo ha salutato le sue ragazze e si è licenziata da capitano della Francia. Il lieto evento è atteso ad aprile. E chissà, questa volta, chi sarà la fata madrina.

Share Button

Rispondi

La tua email non sarà pubblicata

Puoi usare i tag HTML