Questo sito contribuisce alla audience di
NewsSocietà e politicaSPECIALEvideo

Coming Out Day: come reagire al coming out dei vostri figli VIDEO

Advocate pubblica un video con cinque consigli per rispondere al coming out dei figli

Quando parliamo della giornata mondiale del coming out, spesso ci riferiamo alle persone gay, lesbiche, bisessuali e transessuali che non hanno trovato la forza di dichiararsi agli amici, alla famiglia. Ma il motivo per cui non riescono a dirlo ai genitori a volte è la paura della loro reazione. Troppi di noi conoscono storie di genitori che hanno allontanato i figli, o gli hanno fatti sentire in colpa per essere gay.

Ma a quei genitori che pensano con terrore che un figlio possa essere omosessuale, Advocate ha pubblicato un video con cinque semplici consigli da seguire nel caso succedesse. Perché se chiediamo ai giovani LGBT di essere coraggiosi nel dichiararlo, dobbiamo anche chiedere ai genitori di essere coraggiosi e superare i pregiudizi per continuare ad amare i propri figli.

Susan Cattrel non è solo madre di cinque figli, ma anche un pastore e membro attivo della propria chiesa. Due suoi figli si identificano come queer, ma questo non gli ha impedito di amarli tanto quanto prima. Perché un figlio che fa coming out non è diverso dal figlio che credevi fosse etero. Sono sempre la stessa persona.

Quindi prima di tutto fai un bel respiro e prenditi del tempo. Se la tua risposta immediata non è una risposta d’amore, allora non dire niente che possa ferirlo. Quando siamo sorpresi e impauriti possiamo dire cose o prendere decisioni che possono ferire le persone che ci sono vicine. Non te lo stanno dicendo per ferirti, ma per renderti partecipe della loro vita. Quindi non far sentire rifiutati i tuoi figli: potrebbero allontanarsi da te in maniera irreparabile. Il motivo per cui i giovani LGBT sono più a rischio di suicidio non è colpa dell’omosessualità, ma di una società che ti porta a essere emarginato e allontanato dagli affetti.

Ricorda che è un TUO problema se non accetti tuo figlio, non suo. Sono emozioni che TU devi gestire, e che non devi scaricare su di lui. Cerca video e articoli su internet che ti aiutino a venire a patti con le tue paure e i tuoi pregiudizi e non ascoltare chi predica odio invece che l’amore. E soprattutto ama sempre e incondizionatamente i tuoi figli.

Share Button
Tags

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessarti anche

Close
Close

Abbiamo notato che usi un AdBlock

Lo sappiamo che può dar fastidio, ma la pubblicità ci permette di continuare il nostro lavoro. Per favore, disabilita il tuo ad blocker!