Questo sito contribuisce alla audience di

Disabili omosessuali. Il bellissimo video di Jump LGBT

Si può fare ironia su un disabile omosessuale? La risposta è sì, ma solo se prima li si conosce. Perché per far ridere bisogna sapere di cosa si parla e in Italia si parla troppo poco della sessualità delle persone disabili, e ancor meno se sono persone omosessuali. 

Ora grazie a questo video del Gruppo Jump LGBT – Oltre tutte le barriere, possiamo conoscere e ridere. Il Gruppo Jump – Oltre le barriere fa parte dell’Arcigay di Bologna e riunisce sei persone con disabilità che si incontrano per conoscersi, fare rete e confrontarsi sui temi della sessualità e della disabilità. 

Il video è nato dopo l’incontro tra uno dei ragazzi del Gruppo Jump, Giuseppe, e il comico Daniele Gattano che a Colorado ha proposto un monologo sul coming out. 

Semplice, efficace, racconta con poche parole le difficoltà nel farsi riconoscere e nel conoscere gente. Ma questo non vuol dire che siano destinati ad essere per sempre single. E chissà che Di Battista non ceda alla corte di Giuseppe!

Share Button

Articoli correlati

Leggi  Arcilesbica: la polemica con il MIT segna un punto di non ritorno!

Wearing a bow tie is a statement. Almost an act of defiance. Wearing a bow tie is a way of broadcasting an aggressive lack of concern for what other people think.

1 Commento

  • Ottimo video: le persone disabili hanno sessualità e desideri sessuali, fanno sesso e si innamorano come tutti e come tutti gli altri hanno gusti e preferenze non solo ma anche fisiche nella scelta del partner. Poi tutti, disabili e normodotati dobbiamo accettare che la persona disabile o normodotata con cui vogliamo fare sesso potrebbe non trovarci fisicamente desiderabili, non è superficialità, è una cosa legittima (ovviamente chi ci rifiuta ha il dovere di farlo con gentilezza). L’attrazione fisica come l’amore capita o non capita

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *