Questo sito contribuisce alla audience di
HighlightsNewsSocietà e politica

Gli omofobi rubano le sue opere. Il fotografo francese Ciappa mette online le foto delle famiglie gay. GALLERY

OLIVIER CIAPPA

Nonostante il rischio di un ritorno in Francia a una destra ultranazionalista sia stato scongiurato dopo i risultati del balottaggio delle regionali, l’omofobia nella terra dei nostri cugini d’oltralpe continua ad essere un problema. Ne è un esempio quello che è accaduto alla mostra “Les Couples de la Republique” a Toulouse del fotografo francese Olivier Ciappa, un progetto nato per festeggiare il decimo anniversario dell’associazione LGBT  L’Autre Cercle.

Gli scatti mostravano i vari tipi di famiglia esistenti (alcune reali, altre immaginarie e con protagonisti personaggi famosi) tra cui anche coppie dello stesso sesso e famiglie omogenitoriali ed erano appese alle cancellate del parco cittadino “Grand Rond”.

OLIVIER CIAPPA 2

Le foto erano state prima vandalizzate da un gruppo di ragazzi tra i 18 e i 20 anni che asserivano su basi ideologiche cattoliche per protestare contro “lo stile di vita omosessuale”, quando poi l’organizzazione ha annunciato una nuova riapertura per l’8 di Dicembre, le nuove foto sono state rubate. Il fotografo ha quindi scritto un post su Facebook denunciando gli autori di entrambi i crimini per il loro tentativo di nascondere la realtà.

Dato che le nuove foto sono state rubate per “non mostrare” la diversità ha deciso di pubblicarle sui social network (Facebook, Twitter e Instangram) invitando i lettori a condividere le foto come contro protesta. L’idea ha avuto successo e ora le sue foto girano liberamente per la rete.

Scorri le pagine per vedere le bellissime foto di Olivier Ciappa.

Share Button
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12Pagina successiva
Tags

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessarti anche

Close
Close

Abbiamo notato che usi un AdBlock

Lo sappiamo che può dar fastidio, ma la pubblicità ci permette di continuare il nostro lavoro. Per favore, disabilita il tuo ad blocker!