Questo sito contribuisce alla audience di

Kathrine Switzer: maratoneta squalificata 50 anni fa perché donna, corre di nuovo la Maratona di Boston!

L'aperitivo della domenica

Potete non conoscere molto bene il suo nome, ma Kathrine Switzer è una donna che ha fatto molto per le donne nello sport. Nel 1967, quando alle donne era ancora vietato correre le maratone perché si riteneva fosse troppo faticoso, si iscrisse con uno stratagemma alla maratona di Boston e la corse. Durante la maratona i giudici di gara cercarono di fermarla e le strapparono il pettorale (numero 261), squalificandola. Ma lei voleva dimostrare che le donne potevano correre alla pari degli uomini e la finì lo stesso grazie all’aiuto del fidanzato, che corse con lei per proteggerla, con un tempo di 4 ore e 20 minuti. 

Grazie al suo gesto di ribellione, le maratone furono aperte anche alle donne negli anni successivi e divennero disciplina olimpica femminile nel 1984. Le donne non erano più soggetti deboli e fragili, ma potevano correre 42 chilometri alla pari con gli uomini.

A 50 anni di distanza da quella corsa ribelle, Kathrine ha di nuovo corso la maratona concludendola in 4 ore, 44 minuti e 31 secondi tra gli applausi del pubblico. L’ha corsa tutta con lo stesso numero che le era stato strappato cinquant’anni prima e che dopo la gara è stato ritirato, come con le maglie dei calciatori, per onorare una donna che senza volerlo fare apposta, ha cambiato il mondo delle donne e dello sport.

50 Years After Making History The First Woman To Run The Bosto…

50 Years After Making History, The First Woman To Run The Boston Marathon Joined The Race Again

Pubblicato da David Wolfe su Martedì 18 aprile 2017

Share Button
Leggi  Da monaco tibetano a icona transgender del suo paese: ecco la storia di Tenzin Mariko!
Speciale Onda Pride 2017

Wearing a bow tie is a statement. Almost an act of defiance. Wearing a bow tie is a way of broadcasting an aggressive lack of concern for what other people think.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *