Questo sito contribuisce alla audience di

Kristen Goodwin, lesbica e mamma, a capo dell’Accademia delle Forze Armate USA

da ila. 4.334 visite1

Non solo brutte notizie arrivano dagli Usa di Donald Trump. Un po’ sottotraccia, e senza troppo clamore, è giunta fino a noi una notizia che farà storia nelle battaglie per l’uguaglianza. Salvate il soldato Kristin. Pardon, il colonnello Goodwin. Ovvero il nuovo comandante dell’Air Force Academy, una delle massime istituzioni militari Usa. Donna, lesbica, felicemente sposata e madre di due bambini, sarà al comando dei 4.400 cadetti dell’Accademia di Colorado Springs.

> > DA NON PERDERE

La nomina del colonnello Goodwin a comandante dell’Accademia delle forze armate Usa ha fatto ovviamente esultare le associazioni Lgbt. Biondissima, classe 1976, ha dedicato tutta la sua vita alle forze armate. Nel 2007, a soli 31 anni, è stata nominata Deputy Director of Commander’s Action Group. Sette anni dopo un’altra storica nomina: quella a prima donna a guidare una squadriglia dell’Air Force.

Un traguardo importantissimo per Kristin Goodwin, che un po’ ci ricorda Kelly Ann McGillis, famosissima interprete di Top Gun. Pure lei gay. Ed è subito amarcord.

Salvate il colonnello Goodwin, si diceva. Caso ce ne fosse bisogno. Perché la promozione, ovviamente, non è passata sotto silenzio. Anzi. La levata di scudi nel regno del maschilismo ultraconservatore è stata quasi unanime. Associazioni di destra hanno chiesto al segretario della difesa Jim Mattis di ritirare la nomina perché non sarebbe «un buon esempio morale per i giovani e umilia l’istituzione del matrimonio». Richiesta rispedita per ora al mittente: «Non mi interessa sapere cosa fanno due adulti consenzienti e con chi vanno a letto». Parole sante.

Complimenti quindi al colonnello Goodwin. E buona vita alla consorte, pronta a trasferire tutta la famiglia in quel di Colorado Springs.

Share Button
Speciale Onda Pride 2017
Community

Commenti (1)

  1. Quasi incredibile ma fortunatamente verissimo, un esempio di civiltà e meritocrazia, una storia di speranza!

Rispondi

La tua email non sarà pubblicata

Puoi usare i tag HTML