Questo sito contribuisce alla audience di
NewsOpinioni

La copertina maschilista di Panorama: «Non si trova più un buon partito da sposare»

In America dicono: «Don’t judge a book by its cover». Non giudicare un libro dalla sua copertina. Un invito a non essere superficiali e non limitarsi alla prima impressione. Ma quando le copertine sono come quella di Panorama, è difficile restare indifferenti. 

Che fine ha fatto i l buon partito all’italiana. Notai sotto i 2 mila euro al mese. Avvocati costretti a dividere l’ufficio con altri colleghi. Piloti pagati a cottimo. E poi bancari travolti dalla crisi di sistema e giornalisti ridotti a scrivere per pochi spiccioli. Così i protagonisti del boom economico s’impoveriscono sempre di più. Non ci sono più mestieri sicuri da sposare. E i matrimoni non sono più quelli di una volta. La storia di copertina di Panorama in edicola il 13 luglio 2017.

Ecco, secondo Panorama il vero dramma causato dalla crisi economica: non c’è più il buon partito di una volta, l’uomo che andava sposato non per amore (se poi c’era anche quello, tanto meglio), ma per il conto in banca. Un dramma, vero? Certo, un tempo l’ascesa sociale delle donne era garantita da quella cosina che tutte abbiamo in mezzo alle gambe. Perdonate la franchezza.

Le donne non potevano ambire ad un lavoro di prestigio. Solo negli anni ’60 ci è stato “concesso” di diventare magistrate. Eppure, un po’ di cose sono cambiate. E se una donna guadagna più del suo compagno (il che non succede spesso, ma succede) qual è il problema?

Da un punto di vista maschilista è un dramma. Del resto, le donne sono “costrette” a lavorare. Con due stipendi si vive meglio, e in tempi di crisi è indispensabile. Ma una donna non può appassionarsi al suo lavoro. Non vorrà mica fare carriera? Scherziamo? E la casa, ai figli chi ci pensa? La cena chi la prepara? Poi, se guadagna più di un uomo, è un smacco.  Un’umiliazione. 

In quest’ottica, noi donnine alla ricerca del buon partito possiamo solo rimpiangere i tempi in cui le nostre madri e le nostre donne avevano a disposizione uomini ricchi, di buona famiglia, con un lavoro rispettabile. Un tempo in cui la massima ambizione era sposare l’uomo che per l’anniversario arriva a casa con la pelliccia di visone. E poco conta se viviamo a Napoli o Palermo. Al visone non si può dire di no.

Mi spiace davvero per i signori di Panorama, ma i tempi sono cambiati. E se la crisi ha messo in crisi il loro sistema di valori è soltanto un bene. E se proprio volete, donne, vi consiglio di regalare l’ultimo numero di Panorama ai vostri mariti. È utilissimo per pulire i vetri, per fare da base al sacchetto dell’umido, o per accendere il camino. Anche se siamo in piena estate.

Share Button
Tags

1 commento per “La copertina maschilista di Panorama: «Non si trova più un buon partito da sposare»”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Close

Abbiamo notato che usi un AdBlock

Lo sappiamo che può dar fastidio, ma la pubblicità ci permette di continuare il nostro lavoro. Per favore, disabilita il tuo ad blocker!