Questo sito contribuisce alla audience di
HighlightsLifestyle

La Juventus ha fondato la squadra femminile, sempre più società puntano sulle donne

Non più solo squadre pro loco con i fondi al minimo, ma anche grandi squadre del campionato maschile che decidono di aprire e finanziare squadre femminili di calcio. L’ultima in ordine di tempo è la Juventus che ha annunciato questa estate la nascita di una squadra femminile.
Dopo aver iniziato nel giovanile femminile con 108 bambine tesserate in 8 categorie, è arrivato il momento per una squadra in grado di concorrere nella serie A del campionato femminile. Una innovazione molto importante che permette finalmente al calcio femminile di essere conosciuto e riconosciuto nei massimi circuiti, con la speranza che finalmente le donne del calcio italiano possano avere il riconoscimento definitivo e diventare professioniste (dato che in Italia sono ancora considerate dilettanti).

La presentazione ufficiale è avvenuta ieri  a Vinovo, dove le donne juventine giocheranno le loro partite ufficiali e dove tutta la Juve si allena. Ad allenarle Rita Guarino, un’altra donna, per una società che sembra finalmente voler puntare sul rosa.

Il primo impegno ufficiale le vedrà impegnate per la Coppa Italia contro il Torino (27 agosto e 10 settembre), una sfida importante per la storica rivalità tra i bianconeri e i granata.

Share Button
Tags
  • 93 Posts
  • 4,002 Followers
  • 153 Following

Fou Savant

Wearing a bow tie is a statement. Almost an act of defiance.
Wearing a bow tie is a way of broadcasting an aggressive lack of concern for what other people think.

Articoli correlati

1 thought on “La Juventus ha fondato la squadra femminile, sempre più società puntano sulle donne”

  1. Peccato che nel calcio femminile una Juventus, denominata precisamente A.S.D. Femminile Juventus Torino, esiste già dal 1978, è indipendente dalla squadra di Agnelli e quest’anno milita in serie B. La Juve FC, nel decidere di avere anche una squadra femminile che fosse subito in serie A, ha deciso di comprare il Cuneo che era già in A, cambiargli nome e comprare gran parte delle giocatrici più forti delle altre squadre, con il paradosso che l’anno prossimo ci sarà una Juve in serie A e una in B. La tipica correttezza e onestà juventina si vedono anche in questo desiderio di far crescere il calcio femminile…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close