Questo sito contribuisce alla audience di

Lesbiche che vanno a letto con gli uomini: possono definirsi tali oppure no? FORUM

da Redazione 9.763 visite66

SEX

Sul forum di LezPop vi abbiamo chiesto di raccontarci cosa ne pensate di una spinosa questione che in redazione gira da un po’… per non dire da sempre.

> > DA NON PERDERE

Le lesbiche a cui piace andare a letto con gli uomini smettono di sentirsi tali? O meglio smettono di essere percepite dalle altre donne omosessuali come tali? Siamo fortemente convinte che non sia così e che la sessualità sia un argomento fluido e molto personale, ma visto che in questo mondo c’è bisogno di etichette…

Ci chiediamo se avere una sessualità fluida incida anche sul modo in cui una persona possa autodefinirsi, o come venga vista dalle altre donne. Se pensiamo che a volte “dubitiamo” dell’omosessualità di una donna solo per il suo modo di vestire, cosa pensiamo di una donna a cui piace (anche) fare sesso con gli uomini? E non diteci che non esistono, o che non ne conoscete, perché non ci crediamo.

Siete tra queste? Avete incontrato persone che si definiscono omosessuali nonostante facciano sesso con il sesso opposto (scusate il gioco di parole)? E sia chiaro, non stiamo pensando a persone bisessuali, ma proprio a donne la cui omosessualità non viene intaccata per il piacere di condividere il letto con gli uomini una tantum ( o quanto e come vogliono). A voi la parola e …

VENITE A COMMENTARE ANCHE SUL FORUM!

Share Button
Speciale Onda Pride 2017
Community

Commenti (66)

  1. La domanda scema del giorno: Ma c’è un premio o qualche vantaggio nell’essere lesbica invece che bisex? Cioè, il fatto di essere classificata come tale cambia qualcosa? Essere tradita dalla propria donna con un uomo o con un’altra donna cambia la sensazione di tradimento? Le categorie sono liberticide e portano, fatalmente, le persone che non ci rientrano pienamente a sentirsi inadeguate. E non siamo fatti collo stampo, per cui… Sticazzi se una lesbica ha avuto o avrà rapporti sessuali occasionali con uomini. Per me vige soltanto l’onestà e la trasparenza nei rapporti. Se poi dichiaro chi sono e l’altra mi giudica, sticazzi di nuovo, scema lei.

  2. Io sono assolutamente lesbica. Avuto varie relazioni, storie, fidanzamenti. Mi piace cambiare. Mi piacciono le donne.
    A volte qualche uomo mi piace. A volte ho fatto sesso con uomini, con piacere. Ma quando è finito l’atto erotico non provo più nulla. Con una donna non mi è mai successo.
    Anche durante un rapporto sessuale eterosessuale mi percepisco come lesbica.
    La mia identità è lesbica.

  3. Leggendo i commenti al post di Facebook mi sono sentita “discriminata” senza più un’idea di appartenenza… scherzo ovviamente. Per fortuna qui vedo ragionamenti più easy. Nel mio caso, non disprezzo il rapporto sessuale con un ragazzo ma la cosa rimane fine a se stessa e, passato il piacere del momento, tutto svanisce subito. Non credo, come dicono alcune, di potermi definire bisessuale solo avendo rapporti fisici con l’altro sesso.
    Se vogliamo dividere l’affettività/innamoramento dal piacere fisico, allora sì. Sarò omoromantica e bisessuale? Chissà. So solo che accanto a me vorrei una donna e solo con le donne posso sentire tutto quel turbinio di emozioni e sensazioni che un uomo non mi susciterà mai. A tutte coloro che hanno risposto prontamente “assolutamente allora non è lesbica” vorrei chiedere di essere meno rigide. Come possiamo, noi minoranza, voler mettere dei paletti e alzare barricate tra noi in modo così tassativo?

  4. Ok. Questo è un tema che purtroppo mi tocca in prima persona. Sono lesbica, mi sento tale e ho sempre avuto ragazze dopo la mia prima ed ultima relazione con un ragazzo quando avevo 15 anni. Sono passati dieci anni, le donne nn mi sono mancate, ma quest’estate sono andata con due ragazzi. La prima perché ero sbronza e non me ne sono curata più di tanto, la seconda perché bon, ho preso il suo rifiuto come una sfida e dopo esser stata tradita con un uomo un anno fa dalla mia ragazza ho deciso che nessuno poteva dirmi di no. Onestamente mi sono sentita più “zoccola” che bisex per questo è nn so se è un bene o un male. Comunque. Sto con una ragazza ora e dopo esser stata onesta con lei e raccontato cosa ho fatto due mesi prima di conoscerla (questi due ragazzi sono capitati a distanza di un paio di settimane) lei ha cominciato ad avere dubbi sulla mia omosessualità. Poco le è importato che nello stesso anno ho avuto una ragazza a settimana ma ha sbroccato per i due tipi (che conoscevo entrambi da tanto tempo) ed ora sono la bisex infame della situazione. Premessa la mia ex era bisex e mi ha cornificata con un uomo. Seconda premessa, non ho mai avuto preconcetti di alcun tipo sulle bisex. Però mi sono sentita attaccata sulla mia sessualità, non tanto per esser stata una libertina ma per non esser stata creduta sul punto dell’essere lesbica. Una lesbica che si, si è concessa due sveltine con due ragazzi, una lesbica che non ha provato nulla da entrambe le esperienze e che non le mancanze assolutamente il sesso etero MA che in quel momento si era fissata (con il secondo) sull’idea del “tu nn puoi rifiutarmi ergo ti provoco finché nn ci stai”. E si, è stato molto “da zoccola” Ma non ho rimpianti e probabilmente-per come sono diventata dopo la mia ex e ripensando a quel periodo-lo rifarei. Il sesso è solo sesso e come non ho avuto sentimenti per tutte le ragazze che mi sono fatta nel mio anno di “perdizione” tra una ragazza e l’altra, di certo non ne ho avuto per i due tipi. Le vedo come esperienze in momenti di cupo troieggiamrnto e credo che i miei sentimenti, le mie attrazioni, il mio essere fisicamente ed emotivamente coinvolta in donne non fanno di me una lesbica MENO LESBICA di una golden star. Il sesso diventa solo un mero strumento di piacere(o nel mio caso di dominazione) da usare a proprio vantaggio nel momento in cui sai chi sei. Niente di più. Sesso e sentimenti non sono sempre strettamente collegati e due scopate su 100 non fanno di me una bisex. Perché so chi sono. E non accetterò mai di sentirmi bistrattata per una cosa che, anche nel caso fosse esser vera, non sarebbe nulla di male o di cui vergognarsi.

    1. Ciao Willow… forse li per li al posto della tua x ragazza mi sarebbe venuto qualche dubbio…. ma sinceramente capisco anche il tuo vissuto, e il tuo pensiero… hai fatto a fare ciò che sentivi… non credo che ti debba “etichettare” nemmeno come zoccola (lo sei stata solo in un periodo di “perdizione ;-) ) quindi…. io non so ancora come “classificarmi” sinceramente… la mia è una storia lunga e travagliata… di una cosa ne sono certa… nella mia vita mi sono sentita innamorata 3 volte… ed era per 3 ragazze tutte e 3 le volte… ciao ciao ;-)

  5. L’orientamento affettivo non c’entra nulla col sesso. Ci sono donne che non possono avere contatto fisico con un uomo perchè sono così. Ci sono donne che possono e non lo ripudiano ma non possono amare gli stessi.

  6. Uso “lesbica” perché “preferisco le donne, ma andrei anche con un uomo in periodi di bassa autostima, nonostante non senza nulla con la penetrazione” è troppo lungo.
    Come mi definisco, comunque, è affar mio.

  7. Io se dovessi parlare delle mie esperienze passate e presenti ho avuto più che flirt amicizie – amorose con ragazzi ma ormai non mi spingo oltre. Con una donna so che sarebbe un legame diverso e distinguo molto i due tipi di rapporti al di là che sia lesbica o bisex.

  8. Io non sono mai stata con un uomo. Premettendo questo, ciò non mi impedisce di ragionare in maniera aperta. Immagino sia assolutamente possibile che una “lesbica” sia andata a letto con uomini, 1) perché magari non si era ancora scoperta ed era nella sua fase di conoscenza, oppure se va a letto con gli uomini, non significa che sia per forza etero. Il sesso è sesso, magari sessualmente gli piace quel ragazzo (mica tutti) e poi non se ne innamorerebbe mai o comunque non ci avrebbe una relazione. Ma poi perché per forza etichettersi se uno non se la sente? C’è chi ha una sessualità più fluida delle altre. O comunque è potenzialmente fluida per tutti. A tutte noi, “lesbiche”, potrebbe capitare di essere attratte da uomini. Come a persone (sempre state) etero potrebbe capitare di essere attratte da qualcuno del suo stesso sesso. Non c’è mai niente di male, finché si tratta della sfera personale del singolo individuo. Vivi e lascia vivere…

    1. Questo è un commento che riguarda una grande fascia di uomini ma soprattutto me.
      Non so per quale motivo vedendo due lesbiche che si baciano mi attiva qualcosa in me che mi fa partire all’impazzata e solo in quel momento ho infinita voglia di sesso con esse ( vi prego non prendetemi per maiale o quantaltro) ma il problema succede solo vedendole e mi fa persino dubitare del mio sesso che anzi vorrei persino essere fidanzato con due ragazze lesbiche per avere questa sensazione stupenda ogni volta che le vedo. Ditemi la vostra e spero di esservi stato utile e vi chiedo se mi potete rispondere.

Rispondi

La tua email non sarà pubblicata

Puoi usare i tag HTML