Questo sito contribuisce alla audience di
FilmMondo PopSPECIALE

Una petizione per rendere Wonder Woman bisex nel sequel del film

Firmate subito!

La conferma era arrivata (se per caso qualcuno nutrisse ancora qualche dubbio a riguardo) circa un anno fa dagli stessi autori della DC Comics: Diana Prince, la principessa delle amazzoni conosciuta con il nome di Wonder Woman, è bisessuale e non ne ha mai fatto segreto nelle sue (più recenti) avventure.

Quando però abbiamo visto al cinema la trasposizione da fumetto a grande schermo, con la bellissima Gal Gadot, non c’è stato nemmeno un accenno queer, una battuta buttata qua e là, un unicorno che passasse distratto sullo sfondo, niente. Eppure di ironia il film era pieno, e momenti adatti per parlare dell’orientamento sessuale di Diana ce ne sarebbero stati tanti, a nostro avviso.

Per questo motivo, un gruppo di bi-activist capitanati da Gianna Collier-Pitts ha lanciato una petizione su Change.org che chiede alla Warner Bros. di rendere Wonder Woman bisessuale almeno nel sequel, previsto per il 2019. Collier-Pitts commenta così la cosa:

Alcuni di voi potrebbero pensare che specificarlo non faccia alcuna differenza, ma per persone come me che raramente si vedono rappresentate nei media, la fa. Ciò a cui siamo esposti nella tv, nei film e su Netflix ha una diretta correlazione con noi stessi e con il mondo che ci circonda. Quando sono venuta a patti con la mia bisessualità, ho visto alcuni – pochissimi – personaggi con cui mi potevo relazionare, ma sempre rappresentati in una luce negativa. Quello che chiediamo alla Warner Bros. è che riconosca Diana Prince per ciò che è, ciò che è sempre stata, e quello che può rappresentare per milioni di persone.

Come darle torto?

Aggiungiamo anche che, nel 2016, l’autore della DC Greg Rucka ha introdotto nella storyline di Wonder Woman il personaggio di Kasia, un’amante che l’amazzone ha lasciato sull’isola di Themyscira quando è rimasta nel mondo degli uomini. Rucka aggiunge:

Themyscira dovrebbe essere il paradiso, e dovresti essere in grado di vivere felice lì, avere una relazione romantica e sessuale appagante, e le uniche che possono darti tutto ciò sono le donne.  Ma un’amazzone non guarda un’altra amazzone dicendole ‘Sei gay’. Questo concetto per loro non esiste.

Perciò, cara Warner Bros. e cara Patty Jenkins, nel sequel sarà meglio che facciate uscire questa Kasia e sarà meglio che non ci siano poiane di mezzo! Noi di Lezpop abbiamo già dei suggerimenti per il casting: Marion Cotillard, Emilia ClarkeAlycia Debnam-Carey…

Share Button
Tags

3 thoughts on “Una petizione per rendere Wonder Woman bisex nel sequel del film”

  1. Non è del tutto vero. Qualche piccolo riferimento c’è, anche se molto molto velato. L’unico più esplicito risale a quando Wonder Woman è in viaggio col ragazzo verso il mondo degli uomini e lei gli dice letteralmente che sull’isola fanno dell’ottimo sesso tra di loro.

  2. Alycia Debnam-Carey sarebbe perfetta per il ruolo di Kasia, ma anche Shay Mitchell. Gal + Shay e scompare tutto il resto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close

Abbiamo notato che usi un AdBlock

Lo sappiamo che può dar fastidio, ma la pubblicità ci permette di continuare il nostro lavoro. Per favore, disabilita il tuo ad blocker!