Questo sito contribuisce alla audience di
LifestylePrimo pianovideo

Pronto Gesù: «Ma se mi piacciono le donne sono lesbica?». Silvia La Monaca lancia la campagna #IoSonoLesbica VIDEO

Dopo il coming out della figlia di Bobby Solo («mi piacciono le donne ma non chiamatemi lesbica») Silvia La Monaca ha chiesto a Gesù delucidazioni

La nostra amica Silvia La Monaca ha sempre una risposta per tutto. Per meglio dire, Gesù (che lei chiama con una certa regolarità) sa sempre come risolvere i nostri dubbi amletici. L’ultimo, in ordine cronologico, riguarda la figlia di Bobby Solo che ha dichiarato «Mi piacciono le donne, ma non chiamatemi lesbica».

La figlia di Bobby Solo fa coming out “mi piacciono le donne ma non chiamatemi lesbica”

Posto che ognuno di noi sia liberissimo di definire se stesso come meglio crede, secondo la nostra amica Silvia, «È un po’ come se dicessi, sono nata in Sicilia, ma non sono siciliana» (in effetti). Ma nel dubbio se usare la parola lesbica oppure no, Silvia chiama Gesù:

«È come Batman, che non riesce dire di essere Batman perché è Batman».

La soluzione? Guardate il video e ripetete con noi #IoSonoLesbica

Share Button
Tags
  • 95 Posts
  • 4,053 Followers
  • 153 Following

La Mile

Lazy and creative. Proud mommy of an amazing girl pug.

Articoli correlati

3 thoughts on “Pronto Gesù: «Ma se mi piacciono le donne sono lesbica?». Silvia La Monaca lancia la campagna #IoSonoLesbica VIDEO”

  1. Ciao,
    sinceramente anche a me il termine “lesbica” non piace: lo trovo offensivo, o meglio, spesso viene utilizzato in senso dispregiativo.
    Come chi ama una persona di sesso opposto viene chiamata “eterosessuale” io preferisco essere definita “omosessuale”. Lo trovo un termine più neutrale, meno (passatemi il termine) “giudicante”.

    1. Ciao,
      Forse lo trovi offensivo proprio perché da sempre la società lo usa come termine dispregiativo… probabilmente (anzi, sicuramente) se noi lesbiche per prime sdoganassimo questo termine e lo spogliassimo dei “brutti connotati” che la società gli ha affibbiato, non diventerebbe più un insulto ma semplicemente un modo di definirsi. Dopotutto, è lo stesso percorso che ha fatto la parola “gay”… :)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close