Questo sito contribuisce alla audience di

Salerno, proibiti abbracci a giovane coppia gay in un lido

Un tranquillo pomeriggio estivo al mare a Salerno per una giovane coppia gay si è trasformato in un ormai ordinario caso di discriminazione di matrice omofobica. “A. I.” , 17enne casertano attivista nel Gruppo Giovani di “Rain Arcigay Caserta”, era accompagnato dal fidanzato salernitano di 18 anni e si stava intrattenendo con lui nella piscina dello stabilimento balneare Lido Arcobalenò [sic].

Eravamo in piscina come tutti gli altri: anziani, famiglie, adolescenti come noi e tantissime coppie eterosessuali. Come facevano tutte le coppie eterosessuali presenti, anche noi ci siamo abbracciati mentre eravamo in acqua;
con il senno di poi, avevamo notato qualche anziano che ci fissava e un uomo che addirittura ci ha indicati,
ma non gli abbiamo dato peso, sicuri che i gestori del Lido ci avrebbero tutelato da qualsiasi evento spiacevole.

Ad un certo punto il bagnino si avvicina intimandoci di essere più ‘composti’ – usa questo termine – con la motivazione che lì ci fossero bambini. Provando profondo disagio nel sentirci definire ‘disturbatori dei bambini’ abbiamo preferito uscire dalla piscina e allontanarci.

Temendo forse le ripercussioni del gesto, il personale ha abbozzato prontamente una scusa:

Il bagnino nel vederci allontanare ci viene incontro iniziandosi a dire che si sarebbe rivolto così anche ad una coppia eterosessuale: peccato che lì ce ne fossero decine intente a baciarsi e abbracciarsi e nessuna è stata importunata come è accaduto a noi.

In seguito all’episodio di venerdì scorso a Salerno, non è tardata ad arrivare la reazione di Bernardo Diana, Presidente di Arcigay Caserta “Rain”, che – sottolineando la distanza temporale ravvicinata con altri casi simili di omofobia da parte di esercizi del settore turistico in Calabria e in Salento – invoca con urgenza un intervento legislativo:

La legge Cirinnà conferisce pari dignità alle coppie etero e omosessuali, quelle sposate con matrimonio o unione civile e quelle conviventi: chi sperava che questo bastasse a favorire l’integrazione sociale, si sbagliava, per questo chiediamo con forza un’estensione della legge Mancino contro le discriminazioni anche a quelle basate sull’odio per l’orientamento sessuale e l’identità di genere. Nel frattempo speriamo che venga approvata presto la proposta di legge analoga in consiglio regionale.

Sull’episodio si è espresso pubblicamente anche il Comitato Territoriale Arcigay di Salerno “Marcella di Folco”:

Se un abbraccio diventa disdicevole, pericoloso o oggetto di attenzioni da parte di qualcuno, e se queste attenzioni determinano una limitazione nella libertà di qualcuno, vuol dire che c’è ancora molta strada da fare.

In attesa di un’estensione della legge contro le discriminazioni che vada a colmare il vuoto normativo attuale, non lasciate che vi privino della vostra libertà personale e consultate la nostra guida su come difendersi dalle discriminazioni omofobiche negli esercizi aperti al pubblico.

Leggi  ArCisLesbica. La pagina Facebook per la purezza della "razza" femminile

 

Share Button

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *