Questo sito contribuisce alla audience di
NewsSocietà e politicaTop Story

Studenti inglesi non binari tirano una monetina per iscriversi all’università

L'iscrizione obbliga a scegliere tra sesso femminile e maschile senza dare alternative

Se siete transessuali, transgender o non binari, sapete che può essere molto difficile compilare dei documenti che prevedano solo due alternative: maschio o femmina. E quando qualcuno ti obbliga a dover scegliere uno o l’altro, può anche sembrarti una violenza. Per questo molti studenti stanno protestando contro l’Universities and Colleges Admissions Service (UCAS), il sistema per l’iscrizione agli studi superiori nel Regno Unito, che obbliga gli studenti a scegliere tra maschio e femmina senza fornire una terza opzione.

Angela e Keith Farnish sono i genitori di una adolescente non binaria che da due anni cercano di convincere, insieme a tante altre associazioni, la UCAS ad abolire questa forma di discriminazione senza ottenere però alcun successo. L’UCAS infatti ogni anno promette che cambierà le opzioni senza mai mantenere la parola data. Quando Kaelin, la figlia di Angela e Keith, ha dovuto iscriversi all’UCAS non sapeva cosa scegliere dato che non sente di appartenere a nessuno dei due generi. Così i genitori le hanno consigliato di tirare una monetina e ora vogliono invitare tutti i ragazzi che sentono di non volersi relegare a uno dei due generi di fare lo stesso. Anche se è ingiusto che un sistema pubblico ti costringa a scegliere un sesso che non ti appartiene, non c’è motivo per rinunciare a studiare.

Share Button
Tags
  • 93 Posts
  • 3,999 Followers
  • 153 Following

Fou Savant

Wearing a bow tie is a statement. Almost an act of defiance.
Wearing a bow tie is a way of broadcasting an aggressive lack of concern for what other people think.

Articoli correlati

2 thoughts on “Studenti inglesi non binari tirano una monetina per iscriversi all’università”

  1. ma non possono segnare il sesso biologico? La maggioranza numerica di noi è maschio o femmina, è un fatto fermo restando il rispetto per ogni minoranza

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close