Questo sito contribuisce alla audience di

The 100- CLEXA megarecap. Mannaggia alle poiane atomiche

da F 209 visite21

the100

C’era una volta una serie tv abbastanza interessante ambientata in un futuro post apocalittico in cui la protagonista principale era tosta e figa e dove, per la nostra immensa gioia, limonava selvaggiamente con una delle altre protagoniste, che niente era che un capo tribù sanguinario e inflessibile che perde la testa per la nostra bionda protagonista dando cosi vita alla turboship Clexa. Prima di continuare a leggere sappiate che le prossime righe sono anche stracariche di spoiler su The 100, che si abbatteranno su di voi più o meno come la furia di Clarke quando fa esplodere il monte Wheater.

Share Button

Commenti (21)

  1. Non capite quanto scazzo e sofferenza quando è successo… Maledetta The CW :(

  2. Pallottole vacanti, flagello delle lesbiche dai tempi di Tara.
    Per la prima volta spero che ‘sta “city of light” esista o che le sfere del drago vengano introdotte nella trama, per resuscitare Lexa, e magari anche Tara *ride e piange contemporaneamente*

    Perché un proiettile vacante, perché Jason ha voluto girare il coltello nella piaga della ferita generata da quello che successe a Tara? Mi riprenderò mai?

    Clarke porterà sfiga, ma non ho ancora deciso se è Meredith Grey che porta sfiga all’ex “Seattle Grace Hospital”, o viceversa.

    Ma sopratutto, secondo voi è possibile che Raven si possa fare A.L.I.E. ?

    Comunque, the 100 continua a piacermi lo stesso, ma se resuscitassero Lexa mi garberebbe di più, molto di più u.u

  3. Che tristezzaaaaaaaaaaaah :( . Vabbè, era comunque la seconda coppia.
    Continuo a sperare in un qualcosa tra la Aby e Raven <3 <<3 <333

    1. Quando scrivi Aby intendi Abby la madre di Clarke?
      Quella avrà sicuramente una storia con Kane, altro che Raven XD

      1. Si, scusa intendevo Abby :D . Già! sarà così… ma la speranza è l’ultima a morire :D

  4. Ma che brutto reap, si vede proprio che non sei una fan XD

    1. in realtà le prime due stagioni mi sono piaciute molto ed ho addirittura acquistato il romanzo da cui è stata tratta la prima stagione ( anche se ovviamente tra romanzo e serie tv ci sono delle notevoli differenze). Però c’è da dire che questa terza stagione proprio non mi piace :(

      1. Tra “piacere” e essere una fan c’è una bella differenza :-) e, senza offesa, ma questo recap sembra fatto veramente con i piedi da qualcuna che non ha nessun interesse nella serie… per di più hai ignorato completamente la risposta dei social e ‘the Trevor project’, che secondo me potrebbe essere una delle cose più interessanti da un po’ di tempo a questa parte.
        Se proprio dovevi parlare di ‘the 100’ forse non ti saresti dovuta accontentare di quello che hai scritto…

  5. Peccato che non abbiate proprio preso in considerazione quel che è accaduto sui sm subito dopo la messa in onda dell’episodio della morte dell’ennesima lesbica. Non capisco neanche perché occuparvi di una serie TV in maniera così ridicola: se la ritenete inutile e stupida non ne parlate e basta.

  6. Non sono per niente d’accordo su quanto scritto.
    Io trovo The 100 una buona serie, meglio di tante altre che continuano imperterrite fino alla settima stagione. Ridicole!
    The 100 è in un certo senso una novità, soprattutto sul canale CW. Rothenberg è fantastico perché NON sta dietro alle ship, ma al concetto base su cui si basa la serie: la sopravvivenza.
    La morte di Lexa, per quanto mi sia dispiaciuta (era indubbiamente un personaggio ben fatto), aveva una doppia ragione: 1. l’attrice era impegnata in TFWD; 2.la sua morte era giusta ai fini del proseguo della serie.

    Per concludere, io ritengo che la sua morte non sia poi così ridicola. Si pensa sempre che i personaggi debbano morire in modo glorioso, invece Jason ci ha fottuti tutti. E’ un stra-maledetto genio XD
    Vai così Jason…fregatene delle ship e vai avanti per la tua strada.
    (se volete le ship guardatevi ‘Faking it’, ‘Lost Girl’ o ‘Orphan Black’ XD )

    1. Posso capire Faking It e in parte Lost Girl, ma Orphan Black non è una serie che consiglierei per le ship xD

      Sul genio di Rothenberg rimango un po’ scettica. Secondo me è un buon autore, perché è riuscito a rielaborare in maniera personale un botto di serie tv(è abbastanza palese che i suoi riferimenti sono Lost, Battlestar Galactica e Person of Interest), però non ha uno stile narrativo da lasciare il segno.
      Genio sono persone come Aaron Sorkin, Ryan Murphy, Bryan Fuller, Charlie Brooker o Matthew Weiner, Alan Ball che hanno fatto serie tv veramente incredibili. Anche una come Shonda, pur con tutti i difetti del mondo, ha un talento cristallino che Rothenberg secondo me non ha xD

      Per quanto riguarda i combattimenti,anche qui, si vede che Jason è un fan di Spartacus XD

      1. Il ‘genio’ era legato al fatto che Jason va un po’ contro corrente. Non da più di tanto ascolto ai fans…e contando il fatto che la sua serie è su un canale (CW) prettamente per un audience giovanissimo…per me è un geniaccio. E’ riuscito ad elevare di un gradino il canale televisivo famoso per i suoi show basati tipicamente sull’aspetto ship della storie narrate, piuttosto che sul background. The 100 è comunque un buon prodotto, ed è ovvio che se fosse stato su un canale diverso, tipo Starz o HBO avrebbe spaccato di brutto XD

        Certamente ci sono serie ben migliori, ma nel suo ambiente The 100 e Jason si distinguono dalla massa.

      2. Penso che lui non sia per niente “sopra le ship”, come dimostrerà il fatto che Clarke finirà ben presto con Bellamy, ne sono sicura.
        Come ha detto sotto anche Tizia, mette davanti la trama rispetto alla psicologia dei personaggi e questo va inevitabilmente a discapito dello spessore di un telefilm. Perde necessariamente di veridicità e credibilità se i personaggi si muovono “out of character” come delle marionette bipolari per far andare avanti la trama. E’ la trama che si deve evolvere a seconda delle scelte e delle azioni di personaggi coerenti.
        Ci ha sorpreso tutti con la morte di Lexa nel senso che nessuno si poteva aspettare facesse una ca**ta del genere?! Perché di geniale o originale non ha proprio niente, dato che, come hanno notato gli americani, la dinamica della morte di Lexa è identica a quella di un’altra storica lesbica del piccolo schermo (Tara in Buffy). Identica. Lesbica. Nulla di nuovo, solite poiane.

      3. Ishta, ma su questo siamo d’accordo, è che secondo me la parola genio si abusa un po’ troppo(insieme a capolavoro, per dirne un’altra xD )

        Vabbè Anto, ma non esistono delle “regole” di scrittura. Ci sono nel momento in cui impari a scrivere una sceneggiatura, ma poi quando inizi a scrivere tutto si stravolge.
        La serie si basa su una guerra, in cui i personaggi vengono influenzati dalla trama, ovvero gli avvenimenti che si susseguono e ne minano il loro equilibrio psichico(vedi Finn e Bellamy, ma anche la stessa evoluzione di Clarke).
        Personalmente ritengo la serie molto buona nel raccontare questo, perché i personaggi ne hanno davvero affrontate di cose terribili e che li hanno segnati, e non è una cosa scontata, anzi, è ammirevole.

        Per la questione delle ship, sinceramente pur soffrendo tantissimo della morte di Lexa, non comprendo tutto questo casino. Si, è vero, le lesbiche in televisione fanno spesso una brutta fine, però in questo caso gli autori non avevano molta scelta, l’attrice è regular in Fear:TWD e il personaggio di Lexa era troppo centrale per farla andare via in qualche altro modo.

      4. Allora concordiamo sul disaccordo. Perchè secondo me sta proprio lì la bravura di uno scrittore/sceneggiatore.
        E non sono d’accordo neanche sulla fine di Lexa: non è la prima volta che un attore si trova a fare due telefilm alla volta, chiaro si tratta di ridurre leggermente il suo ruolo, d’altronde non è la protagonista, ci sono diverse trame al momento e il cast è davvero grande. La trama stessa offriva mille modi per far uscire Lexa dalla scena senza farla morire e senza aderire all’ennesima poiana. Penso che se sei l’autore di un telefilm su un canale nazionale, è tuo dovere come essere umano pensare alle conseguenze delle tue scelte, all’impatto che hai sull’audience e di riflesso sulla società che volendo o meno è influenzata enormemente dai media, fra cui la televisione. Ripeto, sta lì la bravura di uno scrittore

    2. Guarda, io invece penso che un autore non deve nulla a nessuno. La storia è sua, e gestisce la situazione come meglio crede. Far morire Lexa era una scelta quasi obbligata perché Lexa era nel mezzo della storyline delle due AI e di Arkadia. Come facevano a continuare le storie? La mandavano in esilio? Per come hanno sviluppato questa terza stagione, doveva andare per forza così.

      1. Se sei l’autore di una storia che rimane tua privata si, non devi nulla a nessuno. Se sei l’autore di una storia che viene trasmessa a livello (inter)nazionale, allora lo devi al mondo. Ripeto, quello che fai ha un impatto su tantissime persone e, in piccolo, sulla società.
        Ma per me non è una questione di “è il suo lavoro, è la sua storia”, per me è una questione di principi, di priorità, di valori. Per me viene prima il bene/male che fai e il messaggio, prima ancora che la qualità o il significato personale. So benissimo che per molte altre persone non è così e lo rispetto. Volevo precisare questo perché proprio a partire da questa diversa visione secondo me non saremo mai d’accordo quindi possiamo “agree to disagree”

  7. Menomale è iniziato Daredevil, così ho altro a cui pensare <3

    Però la morte di Lexa è stata proprio terribile. Me l'aspettavo, però mo' The 100 senza di lei perderà tantissimo, perché il suo personaggio catalizzava quasi tutte le trame della serie, con l'aggiunta di avere una bravissima interprete.
    Chi diamine sarà ora la sua alternativa? Perché il resto del cast giovane oscilla tra la mediocrità e la sufficienza, e nessuno di loro mi pare in grado di reggere la sceneggiatura della serie. L'unico su cui ho un po' di speranze è Murphy.

  8. Ma la parte del combattimento con Roan manco l’hai cagata? Era figo quel combattimento! Fino alle capriole alla Eddy di Tekken che hanno reso tutto ridicolissimo XD
    La trama non è per niente noiosa per me, anzi, succede tutto fin troppo velocemente e a me questi plot twist tanto per mandare avanti la trama fregandose della psicologia dei personaggi mi fanno proprio incazzare perché ne perde la serie tutta. L’uccisione dell’esercito grounder, per esempio, che senso ha avuto? Buttato lì e le motivazioni di Bellamy non si capiscono, dobbiamo trovare giustificazioni noi telespettatori -.- Lexa che non li stermina tutti seduta stante? Altro plot over character. Clarke che si inginocchia lìho capito che era l’unica scelta logica da fare per il bene comune ma me lo vuoi fare capire anche a me telespettatore che non ho voglia di stare sui forum a commentare e fare teorie? Me lo devi mostrare on screen e rendermi plausibili le decisioni prese. Così non va bene. Spero solo che sia stato fatto tutto così velocemente e alla cazzo perché l’attrice che faceva Lexa doveva lavorare in un altro show e non era più disponibile e che la seconda parte della stagione si riprenda.

    1. Quando ho visto il combattimento, oltre ad aver pensato anche io a Tekken, al pensiero di dover scrivere il recap ho pensato: GNA POZZO FA

      E ora vado a consolarmi con la nuova puntata di Vikings <3

      1. Vikings <3 Sono MORTA dal ridere guardando la puntata uscita dopo la 3×07 di The 100 vedendo Ragnar durante la celebrazione per Yol. Truccato da commander Lexa. Con gli occhi lucidi. Anche lui in lutto.

Rispondi

La tua email non sarà pubblicata

Puoi usare i tag HTML