Questo sito contribuisce alla audience di

The L Word 7: ci sarà ancora Tina?

Ormai siamo abituate al dramma, ma questa volta prepariamoci a dire addio al personaggio di Tina Kennard.

L’attrice che la interpreta, Laurel Holloman, un anno e mezzo dopo la fine di The L Word ha deciso di prendere la strada dell’arte e, ormai da 8 anni, lavora a tempo pieno come pittrice. L’anno prossimo, ad aprile, Laurel Holloman esprorrà anche a Milano e proprio per questo motivo Gaia Piccardi, giornalista del Corriere della Sera, è volata a Londra per incontrarla in occasione della chiusura della sua mostra Feritile Ground, ospitata dal 4 al 16 luglio nella prestigiosa Bankside Gallery (potete leggere l’articolo qui).

A proposito del suo passato da attrice Laurel Holloman si esprime così:

Recitare è stato ciò che più ho amato fare nei miei primi quarant’anni poi è diventato come dormire con un amante che non desideri più nel tuo letto…
[…] Vedo i miei trascorsi nel campo della recitazione a Hollywood come fossero una nave che passa all’orizzonte. Non rinnego nulla, anzi. Sono felice e orgogliosa di aver partecipato a una serie tv che ha avuto un indubbio ruolo sociale negli Usa e nel mondo, diventando un caposaldo del movimento LGBT. Però ora faccio altro. Dipingo. E mi piace come l’arte mi ha trasformata.

 

Al momento, a parte Jennifer Beals (Bette), Katherine Moennig (Shane) e Leisha Hailey (Alice), non ci sono certezze sul cast della settima stagione (anche se possiamo formulare delle ipotesi sulla base delle attrici che hanno partecipato alla reunion…che di sicuro non saranno state lì per caso).

Comunque dalle dichiarazioni di Laurel Holloman sembrerebbe che Ilene Chaiken e nessuno alla Showtime stia insistendo più di tanto per averla ancora nella serie…né tantomeno lei è interessata a farne parte:

C’è appena stata una reunion con le attrici, alla quale non ho potuto partecipare perché stavo preparando l’esposizione qui a Londra. L Word è stata una serie potentissima, politica, emozionante e progressista, che ha ispirato una generazione di donne. Gay, lesbiche, etero, non importa: guardare L Word era come vedersi spalancare un mondo di possibilità davanti a sé. Ha senso riprenderlo?
Per sapere se Bette e Tina sono ancora insieme? Non lo so…
Forse se ci fosse una nuova storia da raccontare, con nuovi personaggi e nuove attrici…
Se dovessero farlo senza di me (e per ora nessuno mi ha detto nulla), preparerò i pop corn, mi metterò davanti alla tv e lo guarderò volentieri. Sono aperta a ogni proposta però non posso notare che ora in me c’è un’energia diversa, ed è una bella energia, mi piace.

Avevamo lasciato Bette e Tina in procinto di partire per New York. E quando erano quasi riuscite a fare ciao ciao con la manina alla giostra di intrighi lesbici di Los Angeles ecco che, come ogni serie che si rispetti, accade l’imprevisto. Sebbene il personaggio di Tina non sia tra i più amati di The L Word (sopratutto per il suo retro-front etero) nella serie, insieme a Bette, rappresentavano la coppia lesbica ad un livello più maturo.

Leggi  Sarahah: l'app sull'"onestà" che potrebbe generare DRAMMI!

Nonostante i noti alti e bassi della coppia, hanno rappresentato la famiglia omosessuale e hanno anche avuto una bambina. In varie occasioni della serie sono stati gli unici personaggi ad aver portato sulla scena le difficoltà (civili) del popolo LGBTQ e la lotta per i diritti: dai tentativi di Tina per restare incinta, alla non accettazione dell’omosessualità della figlia e della sua compagna da parte del padre di Bette, fino al lungo travaglio per ottenere l’adozione di Angelica.

Staremo a vedere se Laurel Holloman cambierà idea, se il personaggio di Tina uscirà di scena o se, come a volte accade, il ruolo sarà mantenuto e interpretato da qualche altra attrice. Nel frattempo…stay pop!

Share Button

Articoli correlati

Moglie, chitarrista, yogi: non necessariamente in quest’ordine. Mi occupo di Comunicazione e Logistica, ma appena ho un attimo riempio la valigia e parto alla scoperta delle bellezze del mondo. Sposata a New York nel 2013, adoro le mostre d’arte e le metafore del cinema. Sono attratta dai filosofi, ma anch’io, come Gianna, sono fermamente convinta che Dio è donna e suona il Rock & Roll.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *