Questo sito contribuisce alla audience di
RubricheUn amaro convideo

“Un amaro con” Chiara Floridi. «Vorrei che l’Italia uscisse dal Medioevo». VIDEO

Un amaro con Chiara

Dal 2013 il comune di Sesto San Giovanni ha istituito il registro delle unioni civili, aperte a tutti, sia a coppie gay che a coppie etero. Questa settimana ospite di Un amaro con, la nuova videorubrica di LezPop: Chiara Floridi, membro del comitato Pari opportunità del comune di Sesto, e promotrice del registro. Si tratta un gesto simbolico perché, al di fuori del comune, i diritti ottenuti dall’unione civile non valgono. Ma è il segno di una volontà politica, anche da parte di realtà più piccole, di voler cambiare le cose. Qui troverete l’elenco di tutti i comuni che l’hanno approvato.

Così, tra un sorso di amaro e l’altro, Sara Freddini intervista la sua ospite e fa una scoperta “incredibile”: a battersi per i diritti LGBT non ci sono solo gay, lesbiche, bisessuali e transessuali. Enjoy!

Per la prossima puntata di Un amaro con dovrete aspettare il nuovo anno. Sembra tanto, ma in realtà si tratta solo di due settimane… stay tuned!

Share Button
Tags

3 commenti per ““Un amaro con” Chiara Floridi. «Vorrei che l’Italia uscisse dal Medioevo». VIDEO”

  1. E comunque voglio quel quadro anch’io! A costo di svelare la mia becera ignoranza mi dite cosa è e di chi è?

  2. Le ospiti sono brillanti, ma, portata qui dai post della Freddini, me la sarei aspettata più sagace, meno impostata, più ironica e tagliente… Tira fuori la personalità senza pensare troppo.. bevi un amaro in più magari! ;)

  3. Sara, esci marca e numero del colore del rossetto! XD
    (ho adorato l’ospite quando ha detto cge l’amaro dovrebbe offrirlo Bertone…in effetti, direi che se lo può permettere!)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Close

Abbiamo notato che usi un AdBlock

Lo sappiamo che può dar fastidio, ma la pubblicità ci permette di continuare il nostro lavoro. Per favore, disabilita il tuo ad blocker!