Questo sito contribuisce alla audience di

Un amaro con… Claudio e Stefano, due papà gay in attesa di diritti. VIDEO

In questi giorni, con l’arrivo in Senato del ddl Cirinnà sulle unioni civili, la discussione sulle coppie gay e sulle loro famiglie ha conquistato le prime pagine di tutti i giornali. I cattolici conservatori hanno indetto l’ennesimo Family Day, il 30 gennaio a Roma, e da più parti c’è chi invoca lo spauracchio dei gay che vorrebbero distruggere la famiglia tradizionale.

Ma cos’è davvero una famiglia? Cos’è che permette ai bambini di crescere sereni, felici, equilibrati? È necessario che ci sia un padre e una madre? Oppure quello che conta più di tutto è l’amore, l’amore all’interno della coppia, e soprattutto l’amore per i propri figli?

In questa puntata di Un amaro con, Sara Freddini ha incontrato Claudio Capocchi e Stefano Prandoni, una coppia gay con due bellissimi bambini di 4 mesi, Tommaso e Giorgia. La loro è una famiglia come tutte le altre, con le stesse dinamiche delle cosiddette “famiglie tradizionali”. Eppure c’è chi, in base a pregiudizi e tanta, tanta ignoranza, vorrebbe negare loro il diritto di essere cittadini come tutti gli altri. 

La speranza è che presto le cose cambino anche in Italia e scendere in piazza il 23 gennaio è un modo per far sì che ciò avvenga, per le famiglie come quella di Claudio e Stefano e per tutti i bambini che, in mancanza di leggi adeguate, sono i primi a essere discriminati dallo Stato italiano.

Share Button

COMMENTI

WORDPRESS: 4
  • comment-avatar

    Qualcuno sa di chi sia la foto inquadrata alla fine? E’ spettacolare

  • comment-avatar
    Me 12 mesi

    Tommaso sembra molto più grande di Giorgia!!

  • comment-avatar
    ezz 1 anno

    Purtroppo c’è anche chi ha un cuore di pietra… il senatore Gianpiero Dalla Zuanna, firmatario dell’emendamento che criminalizza queste famiglie, qualche tempo fa era stato invitato a cena a casa da una coppia di uomini con 3 bambini, li aveva conosciuti, si era impresso nella mente quei volti, come racconta oggi su facebook uno dei padri. Insomma, uno squalo fatto e finito!