Questo sito contribuisce alla audience di
PersonaggiPrimo piano

Winona Ryder picchiata a 12 anni: “Pensavano che fossi un ragazzo gay”

Anni dopo l'attrice incontra una delle bullette in un bar ed ecco cosa accade

Winona Ryder non è mai stato un personaggio “etichettabile”: carattere eclettico, stravagante a volte, tantissimi tagli di capelli differenti, una carriera costellata da film cult, ma non certo “classici”.

Vittima di omofobia

L’attrice di Ragazze Interrotte e Edward Mani di Forbice – più recentemente protagonista della serie Netflix Stranger Things – ha raccontato un episodio di bullismo subito quando andava in seconda media, a causa del suo aspetto: somigliava ad un ragazzino omosessuale:

Indossavo una tuta dell’Esercito della Salvezza. Appena entrai in bagno sentii delle persone dire ‘Ehi, frocio!’. Mi sbatterono la testa contro un armadietto e quando caddi a terra cominciarono a riempirmi di calci. Mi hanno dovuto mettere dei punti, ma la scuola cacciò me e non le bulle. Anni dopo entrai in un bar e mi imbattei in una delle ragazze che mi aveva preso a calci e mi disse: ‘Winona, Winona, posso avere il tuo autografo?’ e io le risposi ‘Ti ricordi di me? Ricordi che in seconda media hai preso a calci quel ragazzino?’, e lei ‘Sì, più o meno’, al che risposi ‘Ero io, quindi vai a farti fottere’.



La storia è diventata virale e Winona Ryder ha guadagnato altri 1000 punti nella nostra classifica delle eroine (come se fosse una competizione, e come se lei non avesse già vinto a mani basse).

Share Button
Tags

Ahlen

Nerd.

Articoli correlati

2 thoughts on “Winona Ryder picchiata a 12 anni: “Pensavano che fossi un ragazzo gay””

  1. Non ci credo neanche se la vedo ripresa dalle videocamere della sorveglianza, però è una bellissima storia e io amo Winona

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close