I 7 tipi di vacanze (s)consigliati alle lesbiche (single e accoppiate)

Mettete in valigia documenti e buonumore, mollate a casa PC e lesbodrammi

Per le donne lesbiche, bisex e queer, non è detto che sia già tempo di vacanze. Per le giovanissime la scuola è terminata, per le più mature in pensione potrebbe essere il momento giusto per allontanarsi un po’ dalla grigia città, ma tante di noi sono alle prese con il lavoro anche d’estate. Non temete: alta o bassa stagione, superlusso o low-cost, non è mai impossibile trovare un ritaglio di tempo per un break dal lavoro. Non pensate però che ogni vacanza faccia al caso vostro: sono tante le insidie che si nascondono fin dalla fase di prenotazione…

Seguiteci nella guida e fate tesoro dei nostri consigli!


Le vacanze lesbiche (s)consigliate

1- Pride Tour

oitnb prideNo, il Pride Tour non è adatto a tutti. Innanzitutto perché un giro di tutti i principali Pride fra America, Europa e Oceania (Africa e Asia magari meglio pensarci su due volte se ci tenete alla pelle) vi costerà più che seguire Madonna in tour. Con giugno alle nostre spalle, le marce dell’orgoglio LGBT più prestigiose a livello internazionale si sono già svolte. Poco male, tanto pure se foste riuscite ad avvicinarvi ad un carro con le attrici di Orange is the New Black, prima di riuscire a salire gli organizzatori vi avrebbero fucilato a vista.

Se ci limitassimo a un Pride Tour nazionale? Ottima idea, ma per tappe come Rimini finireste per mescolarvi a una folla sterminata di turisti comuni, mentre per Gallipoli (Salento Pride) gli amici gay hanno prenotato già nel 2017. Se per miracolo trovaste l’occasione di una stanza libera, sappiate che si tratta di uno sgabuzzino 1 x 2 m, e che comunque ve lo potrete aggiudicare solo allo stesso prezzo di quel famoso tour di Madonna di cui sopra. 

Share Button
Tags

Vincenza

Apostata, iconoclasta, adoratrice di sneakers, seriamente affetta da sindrome di Stendhal acuta in presenza di ogni filmato pre-1927, cultrice di Karen Walker e fedele consumatrice di banda larga con un debole per i classici della letteratura. Difetti a parte, una persona normale. Forse.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close

Adblock Detected

Senza pubblicità LezPop non può sopravvivere. Per favore, disabilita il tuo adblocker. Grazie!