Amélie Mauresmo tra le migliori tenniste di tutti i tempi. La storia di una sportiva out and proud. FOTO

La storia di Amélie Mauresmo è la storia di una tennista out and proud che, insieme a nomi come Martina Navratilova e Billie Jean King, hanno di sicuro dato un’enorme visibilità alla comunità lesbica. A differenza delle due tenniste statunitensi (la Navratilova fece coming out solo dopo avere ottenuto la cittadinanza americana), la Mauresmo, che dichiarò la sua omosessualità nel 1999, ebbe il sostegno del pubblico francese e del primo ministro di allora Lionel Jospin, il che le le permise di rimanere legata ad alcuni importanti sponsor, quali la Nike e la Dunlop. Ciò, però, non implicò una serie di difficoltà – e di battute omofobe – che la tennista dovette affrontare.

Nel ’99 la Mauresmo, all’epoca non ancora ventenne, era riuscita ad arrivare in finale agli Australia Open, battendo la numero uno del mondo, Lindsay Davenport, che dichiarò di aver giocato «contro un uomo». In finale la Mauresmo perse contro Martina Hingis che, invece, la definì «un mezzo uomo». Così arrivò il suo coming out, durante una conferenza stampa, nella quale Amélie Mauresmo disse che in tour con lei c’era anche la sua ragazza, Sylvie Bourdon, proprietaria di un bar a Saint Tropez – con la quale è attualmente sposata.

Nel 2006, in una bellissima intervista a The Guardian, Amélie Mauresmo raccontò così il suo coming out: «Fu dura, molto dura. Non ho mai rimpianto di aver fatto omg out, ma come l’ho fatto. Avrei potuto farlo in modo più soft. Essere gay non mai stata una questione di particolare rilevanza per me. Ma non mi sarei mai immaginato l’impatto che avrebbe avuto. […] Ora sono fortunata che le persone mi vedono solo come una grande giocatrice e una bella persona. Penso che abbiano superato questa storia che io sia gay. Ma è difficile. Sono stata giudicata. Tutti gli occhi erano su di me, e mi ha causato delle questioni familiari che non sono state facili da gestire». Una di queste fu con suo padre, con il quale riuscì a riconciliarsi poco prima che morisse nel 2003.

Ma il 2006 fu anche l’anno di maggior successo per la Mauresmo: vinse Wimbledon e l’Australian Open, rimanendo per dieci mesi la numero uno al mondo. Tre anni dopo, decise di ritirarsi per mancanza di stimoli. Qualche giorno fa, però, Amelie Mauresmo è stata inserita nella International Tennis Hall of Fame – la cerimonia si terrà quest’estate. Ecco come ha commentato l’ex tennista, attualmente allenatrice di Andy Murray, «Sono onorata di essere stata selezionate per la International Tennis Hall of Fame. Tennis è la mia passione dal quel che ricordo. […] È un onore che la mia carriera venga celebrata insieme ai campioni che ho sempre ammirato in tutta la mia vita».

Indietro1 di 9

Tags

Articoli correlati

29 commenti

  1. Ragazze la Mauresmo è incinta e l’altra mamma non sono io.
    Da domani gioco con la racchetta a mezz’asta.

  2. Veder giocare la Mauresmo era una delizia.
    Ma, ai miei tempi, io avevo un debole per la Sabatini, la “bella perdente” argentina, e il suo rovescio ad una mano sola.

    1. Come non capirti.Le ho fatto praticamente un servizio fotografico durante uno degli Internazionali d’Italia che ha vinto.E tutt’ora che l’ho vista in un intervista durante un esibizione al Madison Square Garden l’ho trovata ancora più affascinante.

  3. Dotata di un rovescio fantastico,eccezionale ed irripetibile ormai ai giorni nostri,e’ stata giustamente inserita tra le più forti tenniste di tutti i tempi e la migliore tra le francesi.Il suo coming-out aveva sbalordito e avvicinato tante donne al tennis(chissa’ come mai).L’ho amata immensamente come tennista,forte quasi come quel mito inarrivabile della Navratilova che resta insieme alla Graf la migliore di tutti i tempi(a mio parere naturalmente).L’amo immensamente come donna e trovo la sua sfida quale allenatrice di Murray davvero coraggiosa.Devo dire che ho esultato alla Fed Cup di qualche settimana fà quando come capitano ha portato la Francia ad una rimonta incredibile sulle nostre giocatrici avanti 2-0 e poi battute 3-2.Mi vergogno un pò ad ammettere la gioia alla sua esultanza,ma il cuore è il cuore e il mio batte sempre per lei.Avrebbe dovuto vincere molto di più di quel che ha fatto visto il talento e la forza fisica,ma la storia racconterà sempre di lei.
    Grande Amelie,immensamente grande.

  4. Vedo molte tifose di tennis, chissà come mai :)….oh ma ve la ricordate la Novotna? a me piaceva un sacco anche se perdeva tutte le finali e mi faceva incazzare

    1. La Novotna (lesbica pure lei) è stata una dei più grandi talenti serve and volley del tennis, talento sprecato da nervi fragili. Indimenticabile il suo pianto sulla spalla della Duchessa di Kent dopo aver perso la finale di Wimbledon contro la Graf nel 93, quando, perso il primo set al tie break, vince il secondo 6-1 sul terzo set ha la palla del 5-1 ma la Graf non gliene fa vedere più mezza. E Jana piagneva a singhiozzi, e io appresso a lei. Tennis sport di merda.

  5. La Higins, quella piccola iena stronza, non si limitò a dire “è un mezzo uomo”, aggiunse “è qui con la fidanzata”. Le fece outing. Poi la Bourdon, che era fusa, spinse Amélie a dichiararsi come detto da Vitto77 -the chair umpire- ;
    E’ stata una follia, si è ritrovata in pasto ai leoni a 19 anni, era appena passata professionista.
    Un’altra piccola precisazione: il padre è morto nel 2004, lo stesso anno che è finita con Pascale. E come ho già detto per me sta ancora con la Filiol (comunque le piacciono le galline vecchie).
    Per le amanti del tennis volevo condividere questo, è di due anni fa (Amé si è ritirata nel 2009, e mi sembra ancora niente male. Rifatevi gli occhi…per il rovescio intendo)
    https://www.youtube.com/watch?v=GpUsVt2SgJ8
    Mile grazie per l’articolo.

    1. Grazie 7chili!! Quanto mi mancano le sue partite… anche se mi faceva imbestialire quando faceva errori stupidi sui punti importanti. Cmq chi lo sa, magari e’ stata una finta separazione con Geraldine, per depistare la stampa e avere un po’ in pace… oppure si sono lasciate veramente e poi sono tornate insieme e hanno deciso di essere piu’ discrete…

      1. Vai a sapere…comunque mi sembra una strana coincidenza che la tua ex stia proprio seduta una fila dietro di te defilata di un posto, vale a dire quanto basta per evitare le inquadrature…

      2. Si, mi sembra strano che Geraldine si trovasse nella players box come dirigente di Eurosport… mi sembra probabile che fosse li’ come ospite di Ame. Poi se sono solo amiche o altro non lo sappiamo, e in fondo e’ anche giusto cosi’, se non vogliono farcelo sapere…

  6. So che la Hingis disse una cosa terribile in occasione degli Australian, ma Martina per me resta la più grande (piccola) tennista. Di puro talento…

  7. “Unlike Billie Jean King, who lost all her endorsements 24 hours after being outed in 1981, two years before she retired, and Martina Navratilova, who, it is said, designed her own tennis dress because she couldn’t find a sponsor to put their name to one, Mauresmo’s backers stuck with her. But her off-court earnings are nothing compared to those of Sharapova, who is straight, and blonde, and usually seeded below her.”

  8. Vi prego correggete la bestialità che è sposata con Sylvie, non si può proprio leggere!!! Sarà ma io son convinta che se appunto non fosse stata “spinta” da Sylvie non lo avrebbe mai detto. Sylvie ci ha sempre largamente marciato su di lei per avere visibilità. Infatti le due storie seguenti, come diceva Barbara, Amelie le ha sempre vissute nella massima discrezione e con una privacy altissima, come del resto fa ora!!!

    1. No va beh, adesso siamo a livelli di servizi segreti… almeno quando ancora giocava si sapevano i nomi e si vedevano in giro insieme… ora e’ tipo segreto di stato…

  9. Adesso sta nuovamente prendendo botte da tutte le parti, col fatto che e’ la prima allenatrice donna di un tennista uomo di alto livello… sono arrivati commmenti da brivido da persone normalmente ritenute normali. Continua a fare la storia… comunque che io sappia non e’ sposata con Sylvie, si sono lasciate dopo qualche anno… ci sono altre due storie note alla stampa (con Pascale Arribe, tennista francese, dopo Sylvie: anche questa finita dopo qualche anno e seguita da quella con Geraldine Filiol, alta dirigente di Eurosport. Anche questa ultima finita. Attualmente non si sa nulla, anche se il suo anello di fidanzamento da serial monogamist lo indossa come al solito.

      1. In effetti i tratti del viso sono simili, i capelli non so… comunque se vanno agli stessi eventi non e’ detto che stiano insieme, lavorando nello stesso settore.

        Se fai una ricerca su google vedi che a un certo punto (mi sembra poco prima di ritirarsi nel 2009) Ame ha confermato che si erano lasciate. Poi non so se si sono rimesse insieme…

  10. Forse la mia prima “cotta inconsapevole”…
    Sarà che non ho vissuto l’epoca di tutte le campionesse che l’hanno preceduta, ma lei é la migliore che io abbia mai visto giocare

  11. Non credo che c’entri la sua omosessualità. Ero una bambina ma Martina Navratilova è stata regina incontrastata del tennis per anni! E ha fatto coming-out negli ’80! Non vorrei sbagliarmi ma credo che sia sia stata la prima sportiva al mondo a farlo. Se vi pare difficile ora pensate 30 anni fa.

  12. Se non sbaglio è stata anche l’ultima campionessa a fare il rovescio ad una mano, peccato che non ha mai retto bene psicologicamente le partite altrimenti avrebbe vinto molto di più, chissà se ha influito la sua omosessualità in questo

    1. Mado’, veramente… se nel tennis maschile e’ diventata una rarita’, nel tennis femminile il rovescio a una mano e’ proprio scomparso dopo il ritiro della Henin e il declino della Schiavone… non mi viene in mente nessuna Top 50 col rovescio a una mano :((((

      1. Carla Suarez Navarro. Il problema del rovescio ad una mano è che secondo me nelle scuole non lo insegnano quasi più…tutti i ragazzini vogliono imitare Nadal e Djokovic…

      2. Non lo insegnano anche perché le racchette di oggi permettono un gioco più veloce e di potenza quindi è più semplice fare il rovescio a due mani

      3. Secondo il problema e’ che il rovescio a una mano ti da’ grandi vantaggi a rete ma nel gioco da fondo campo il rovescio a due mani e’ piu’ stabile. A una mano ci vuole una forza fisica, almeno nel polso, fuori dal comune per avere un colpo stabile. Se ci fai caso per i tennisti maschi e’ sempre il colpo piu’ debole, tranne forse per Wawrinka che infatti e’ bello tosto (se non tozzo). Per Ame era il colpo migliore ma infatti fisicamente era piu’ prestante della media, e poi gli slam li ha vinti scendendo a rete.

        Cavolo, mi ero dimenticata la Suarez-Navarro. Che tra l’altro mi fa scattare il gaydar non poco.

      4. Si il rovescio bimane “ti perdona” di più, perché ti permette di compensare anche se non arrivi con un timing perfetto sulla palla o sei un po’ distante. E ti aiuta a tenere le bordate di servizio. Insomma è un rovescio da paraculi…(che si capisce che io lo gioco con un mano sola? :))
        A parte Federer e Wawrinka ci sono due grandi rovesci monomane sul circuito: Gasquet e Dimitrov (purtroppo Haas credo abbia mollato)
        Carla lesbiana? può essere, ma sono tante le tenniste che mi fanno scattare il gaydar…

      5. (Che si capisce che pure io???)
        Per Federer e’ il colpo piu’ debole, gli giocano tutti sul rovescio, soprattutto Nadal che lo batte sempre solo perche’ lo massacra li’. Gasquet non e’ un top player, e poi credo abbia uno dei peggiori dritti della storia Top20, quindi forse non fa testo. Haas in effetti ha un grande rovescio, ma a Dimitrov giocano tutti sul rovescio, a parte la mitica sconfitta di Nadal a Montecarlo in cui ha vinto il braccio di ferro contro il suo dritto, in una giornata tipica e’ ancora il colpo piu’ debole, credo. Il problema e’ nei racchettoni di due grammi con cui si gioca ora che premiano chi picchia da fondo campo; e “se si giocasse con le racchette di legno, Roberta Vinci sarebbe numero uno” (e comunque una volta l’ho vista giocare il rovescio in top spin due o tre volte nella stessa partita!! Era proprio in forma ;) )

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close

Adblock Detected

Senza pubblicità LezPop non può sopravvivere. Per favore, disabilita il tuo adblocker. Grazie!