Ballando con le stelle, polemiche sul bacio della coppia omosex

Non sarebbe l'ora di svegliarlo questo "pubblico conservatore"?

Nell’edizione italiana 2018 di Ballando con le Stelle ci sarà finalmente in gara una coppia omosex, formata dallo stylist Giovanni Ciacci e il ballerino Gianmarco Campironi. Se già questa scelta da mesi stava provocando mal di pancia generalizzati negli ambienti più conservatori, immaginate ora che si inizia a parlare di “balli sensuali”.

Nel ballo da sala la sensualità è spesso un elemento chiave delle coreografie e non è mancata nelle esibizioni di tutte le altre coppie dello show di Milly Carlucci. Dalle prime indiscrezioni pubblicate da Alfonso Signorini sul settimanale Spy, la richiesta di gareggiare con un uomo è arrivata dallo stesso Ciacci. A finire però nell’occhio del ciclone nei piani alti di Viale Mazzini pare sia stata proprio la conduttrice. Milly dopo aver accettato la richiesta dello stylist di “Detto Fatto” si è anche spesa affinché le coreografie della coppia non fossero castigate rispetto alle altre.

Ballando con le Stelle

L’elemento Auditel è certo da tenere in considerazione, ma per il debutto del 10 marzo i critici si sono già divisi sulla rumba – ballo sensuale per eccellenza – che Ciacci e Campironi andranno ad eseguire. Culminerà o no con un bacio? Il pubblico di Rai 1 sarà pronto per vedere due uomini ballare e veicolare il desiderio carnale nei loro passi di danza?

Ballando con le stelle vs C’è Posta Per Te

Diciamo anche che sarebbe ora di svegliarlo questo pubblico conservatore anziché tenerlo in un’atmosfera sottovuoto ed ovattata. Crudamente: la trasmissione ha bisogno di polemiche che diano una mano agli ascolti. Maria de Filippi dall’altra parte ha portato diverse volte persone omosessuali a parlare delle proprie storie a C’è Posta Per Te (e senza che venisse giù il mondo). C’è poi un altro elemento su cui vale la pena riflettere. Ciacci è spesso usato come intermezzo macchiettistico nel contenitore pomeridiano Detto Fatto su Rai 2, dove elargisce consigli di stile. Non sarebbe finalmente ora che venga superata la mentalità per cui l’unico modo di far “tollerare” i gay al pubblico generalista sia presentarli come esseri asessuati, sfortunati in amore e perennemente single?

Share Button
Tags

Articoli correlati

Un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close

Adblock Detected

Senza pubblicità LezPop non può sopravvivere. Per favore, disabilita il tuo adblocker. Grazie!