I Bastardi di Pizzofalcone. Alex Di Nardo torna sciupafemmine ma qualcosa proprio non gira

Nella 5° puntata de I Bastardi di Pizzofalcone, ritroviamo Alex Di Nardo sciupafemmine pedinata dalla dottoressa Martone. Ma qualcosa proprio non funziona

Nuova puntata della seconda stagione de I bastardi di Pizzofalcone, fiction di Rai1 tratta dagli omonimi romanzi di Maurizio De Giovanni. Una dei “bastardi” è Alex Di Nardo, interpretata da Simona Tabasco, poliziotta lesbica, tormentata e (di nuovo) sciupafemmine.

Alex l’abbiamo conosciuta lo scorso anno, e prima di iniziare una relazione con la dottoressa Rosaria Martone, interpretata da Serena Iansiti, era la perfetta lesbica sciupafemmine. Come dire, Shane cresciuta all’ombra del Vesuvio. Poi le due hanno rotto, causa la gelosia della dottoressa Martone. E cosa fa la nostra Alex per risolvere i suoi problemi sentimentali? Tornare a fare sesso in giro.

Locali gay e “vrenzole” made in Naples

Nella quinta puntata, andata in onda lunedì sera, vediamo Alex svegliarsi in casa di una ragazza, non si sa chi sia, e alla quale non vuole dire il proprio nome (ah, però). Poco dopo, la dottoressa Martone entra in un locale gay (?) di Napoli, un po’ arrangiato, un po’ trasgressivo e un po’ soft porno, e trova la bella Alex seduta sui divanetti che bacia una tipa.

Infine, sempre la dottoressa Martone arriva in una stradina del centro di Napoli e trova Alex che bacia appassionatamente un’altra tipa. Ora, la scena in questione è una delle più brutte che abbia mai visto da quando scrivo di lesbiche e serie tv. Non si capisce se Alex stia provando a baciare la tipa o stia provando ad arrampicarsi su di lei. O chissà cosa. Fatto sta che è di una goffaggine unica.

Ad ogni modo, la dottoressa Martone finalmente decide di palesarsi con Alex che, sorpresa, smette di baciare la tipa e la segue. Una scena che si chiude con la tipa mollata che protesta: «Aooo, ma aro’ cazz’ vai». Capolavoro di vrenzolaggine Made in Naples.

Subito dopo, Alex e Rosaria sono su una spiaggetta davanti al golfo, bellissimo come sempre. Si confrontano. La dottoressa Martone le dice che vuole una relazione vera, e anche una convivenza, e che nella vita Alex deve smetterla di avere paura: «Se una cosa è bella come fai ad avere paura?». Dialogo interessante e anche bella inquadratura. Nel frattempo la poliziotta è titubante, si sdraia sulla sabbia per poi alzarsi e andare ad abbracciare Rosaria. Le chiede scusa, e anziché darsi un bacio come dio comanda, si abbracciano.

Provarci non basta

Insomma, Mamma Rai ci prova, e ci provano anche i produttori de I Bastardi, ma la resa nel racconto della storia di Alex è piuttosto opinabile. Non si tratta solo di recitazione (che abbiamo già analizzato qualche settimana fa), ma proprio del modo in cui, attraverso regia e sceneggiatura, viene rappresentato il rapporto tra due donne. Per esempio, la musica che accompagna le loro scene è sempre un downbeat, in bilico tra il sensuale e il torbido. Anche meno.

Va detto che rispetto alle rappresentazioni passate, questa di Alex è una ventata di aria fresca (almeno facciamo sesso e abbiamo gli stessi problemi come tutte le altre coppie), ma un po’ di attenzione forse non guasterebbe. Anzi. Sarebbe auspicabile. Certo, Alex è comprimaria, e il tempo a lei dedicato all’interno della serie è limitato, ma a volte sono i dettagli a fare la differenza, anche solo in pochi secondi.

Share Button
Tags

La Mile

Lazy and creative. Proud mommy of an amazing girl pug.

11 commenti

    1. Sì! Sperando che tra le possibili vittime dell’esplosione finale non ci sia proprio Alex… la poiana è sempre all’orizzonte! :-D

  1. Poi ho trovato surreale la riappacificazione: la becchi a tradirti e in una nottata in spiaggia si risolve tutto? Così secondo me si alimenta lo stereotipo che le coppie fatte dello stesso sesso siano inclini a essere aperte/poco fedeli/viziose. Invece sono coppie come quelle reputate ”normali” e quindi, se ti becco a tradirmi, sono cacchi!!! ;) Mah, speriamo che stasera ce le facciano vedere un po’, possibilmente con scene meno surreali e ovattate, quasi in punta di piedi.

  2. Vedo che abbiamo tutte gli stessi pareri!!! A parte tutto sono comunque una bella coppia che per quanto mi riguarda mi ha fatto molto emozionare…..comunque avete notato nella sigla al minuto 00:59?

  3. Anch’io ho avuto quell’impressione quando la Martone è entrata nei locali. Ok che è bellissima, però la guardavano davvero come se stessero per azzannarla! :-D La scena mi ha ricordato quando in ”Bound” Corky entra nel bar a ”cercare” una donna per la notte. PS: Da collega della Di Nardo… la realtà è mooolto diversa! ;)

  4. Ma quindi – a parte la direzione presa dalla storia nel suo complesso – non sono solo io ad aver pensato che fosse estremamente ridicola la scena del vicolo…

  5. Cosa posso dire…l’articolo è perfetto e mi trovo d’accordo su tutti i fronti.
    Quando ho visto Rosaria entrare in quel…Club/locale/luogo ignoto, sembra va fosse entrata in uno dei tanti nascondigli di Dracula abitato da tante vampire pronte a morderla alla giugulare!
    Indescrivibile l’arrampicata di Alex; avrebbe avuto più senso se fossero state appoggiate ad una macchina almeno in quel caso potevo dare una spiegazione logica. L’amante della Di Nardo poi senza commenti anche perchè al primo ascolto non ho capito nulla di nulla.
    Il personaggio della Martone è veramente ben strutturato a mio avviso, con Alex ahimè non è stato fatto lo stesso lavoro.
    Capisco che sono personaggi secondari ma durante la puntata le si vedono si e no tre minuti col risultato poi di fare diventare la storia senza capo nè coda. La partenza della prima stagione mi aveva fatto essere ottimista invece mi ritrovo in una involuzione da paura.
    Lunedì ci sarà l’ultimo episodio e non so nemmeno se si vedranno.
    Cosa posso dire…Bene ma non benissimo. Ci sarebbe tanto da dire effettivamente ma mi limito a ribadire che Rosaria e la scena sulla spiaggia hanno un attimo raddrizzato le cose.

  6. ciao, leggo da anni i libri di Maurizio De Giovanni e quello che si vede nella fiction di questa seconda stagione non c’entra niente con quanto letto. Nella prima stagione mi sembravano più credibili i due personaggi, in questa seconda mi resta l’impressione che sia tutto finto… Ishta comunque la crescentini mezza nuda non è mai un dispiacere vederla :):)

  7. Concordo. Ho notato anch’io un cambio di direzione nella storia delle due donne. La prima stagione, seppure il minutaggio era il medesimo, era meglio trattato. In questa seconda stagione hanno preferito abbassare la qualità e l’importanza della loro storyline. Un vero peccato.
    È ovviamente meglio far vedere Alessandro Gassmann e la Crescentini mezzi nudi e perennemente a letto, piuttosto che altro, giusto?! XD
    Comunque apprezziamo lo sforzo, dai ^^

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close

Adblock Detected

Senza pubblicità LezPop non può sopravvivere. Per favore, disabilita il tuo adblocker. Grazie!