Trending

Black Mirror. Un possibile ritorno a San Junipero

Durante un festival in Inghilterra è intervenuto Charlie Brooker, ideatore di Black Mirror, e ha ipotizzato un possibile ritorno a San Junipero

Nell’universo di Black Mirror, San Junipero è sicuramente la puntata che più ha entusiasmato il pubblico lesbico. Ma non solo, tanto che l’episodio (il quarto della terza stagione) si è aggiudicato due Emmy (Outstanding Made-for-TV Movie” e “Outstanding Writing for a Limited Series, Movie, or Dramatic Special”). San Junipero racconta la storia d’amore di due donne, Kelly e Yorkie, che si incontrano in un mondo anni ’80 che però altro non è che una realtà virtuale inventata per permettere a persone anziane o in coma di rivivere la propria gioventù.

Black Mirror: San Junipero- il paradiso è un posto sulla terra

La quinta stagione di Black Mirror è stata pubblicata su Netflix a giugno di quest’anno (tre puntate a differenza delle solite sei), dopo il film interattivo Black Mirror: Bandersnatch e sono tutti in attesa di sapere se verrà realizzata la sesta stagione.

L’ideatore di Black Mirror ipotizza il ritorno a San Junipero

Ospite del Latitude Festival di Suffolk, in Inghilterra, Charlie Brooker, ideatore della serie, ha aperto all’ipotesi di una nuova stagione, nonché alla possibilità di tornare nell’universo di San Junipero: «Abbiamo discusso della possibilità – ha detto Brooker -. Non credo che riprenderemo i personaggi di San Junipero, ma non diciamo mai mai. Penso che abbiamo raccontato quella storia e ci è sembrato giusto lasciarle lì».

Nel suo intervento, però, Brooker ha aggiunto alcuni dettagli della realizzazione dell’episodio con protagoniste Kellie e Yorkie, ipotizzando l’eventualità di riprendere alcuni elementi: «Il mondo di San Junipero, quel background, è un ambiente piuttosto ricco per qualsiasi idea che abbiamo avuto che alla fine non abbiamo usato. Ad esempio, in origine c’era una scena in cui Yorkie andava a cercare Kelly e la incontrava in un asilo che dove si occupava di alcuni bambini. Che, in seguito, quando capisci che sono tutti morti, diventano una scena e un’ambientazione molto toccanti. Ma era troppo forte per inserirla in quella storia. Ma questo è il genere di scene su cui potenzialmente si potrebbe tornare tornare. Di tanto in tanto ne discutiamo. Non l’abbiamo ancora fatto, ma potremmo farlo in futuro».

Tags

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close

Adblock Detected

Senza pubblicità LezPop non può sopravvivere. Per favore, disabilita il tuo adblocker. Grazie!