Bologna. Anche il Comune di Castel Maggiore riconosce due mamme: «Sono una famiglia» [VIDEO]

Non solo le grandi città, sempre più comuni stanno registrando gli atti di nascita dei bambini con entrambe le madri

Sono sempre più i comuni in Italia che riconoscono entrambe le madri negli atti di nascita dei loro figli, da Udine dove è stata effettuata la prima registrazione, a Torino con la decisione della Sindaca Appennino, a Milano, con la festa in Comune voluta dal Sindaco Sala.

Ma non solo le grandi città a registrare le famiglie arcobaleno. Qualche giorno fa, il Comune di Rovereto, in provincia di Trento, ha registrato l’atto di nascita di una bambina con entrambe le madri, oggi l’ennesima trascrizione arriva da Castel Maggiore, provincia di Bologna.

Una scelta fatta nell’interesse del bambino

Ad annunciarlo è stata direttamente la Sindaca, Belinda Gottardi, che stamani ha firmato l’atto di nascita di due gemelli nati da una coppia di donne conviventi. Con un video postato su Facebook, Belinda Gottardi ha spiegato le motivazioni della sua decisione.

È una scelta fatta nell’interesse dei bambini, per estendere al massimo la loro tutela con la registrazione di entrambi i genitori sul loro atto di nascita. Le due donne convivono a tutti gli effetti e credo che sia importante sancire il diritto di maternità di questa coppia. I gemelli potranno crescere con le figure genitoriali di riferimento e avere una famiglia a tutti gli effetti.

I bambini sono stati iscritti al nido a Castel Maggiore dove il personale, adeguatamente formato anche per casi come questi, è stato in grado di esprimere una piena accoglienza.

Ritengo sia doveroso per un sindaco essere accogliente e inclusivo con tutti i suoi concittadini, è un contributo per la crescita civile della società.

 

Share Button
Tags

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close

Adblock Detected

Senza pubblicità LezPop non può sopravvivere. Per favore, disabilita il tuo adblocker. Grazie!