Calcio gay. Cassano e i giornalisti omofobi

Avrei preferito non affrontare l’argomento. Anche perché cos’altro potrei aggiungere se non una dose extra di indignazione? Cos’altro si merita Cassano, se non un bel “vaffa”? La storia la sapete tutti, no? Un paio di giorni fa, Alessandro Cecchi Paone, non avendo di meglio da fare, si è fatto intervistare dal solito Giuseppe Cruciani, conduttore de La Zanzara, il programma di Radio 24 dal quale sono uscite alcune tra la peggiori esternazioni omofobe del secolo (a cominciare dal solito Giovanardi). Ebbene Cecchi Paone ha ammesso di avere avuto in passato una relazione con un calciatore e che in Nazionale ci sono due, dico ben due, giocatori gay e uno bisex.

Informazioni delle quali faremo volentieri a meno. 1. perché sono contraria all’outing. 2. perché se proprio devi farlo, almeno fa’ nomi e cognomi (se sbandieri l’omosessualità di qualcun altro assumiti le tue responsabilità). 3. perché Libero ha subito lanciato un sondaggio “Chi è gay in azzurro?” (in testa Buffon). 4. perché in questo paese quando si parla di omosessualità l’offesa è sempre dietro l’angolo, figuriamoci se si parla di omosessualità e calcio. Lo sport del maschio italico. Ed ecco cosa è successo. Conferenza stampa. Una delle tante. Parla Cassano. Un giornalista comincia la domanda così: “Alessandro Cecchi Paone ha detto che…”. Neanche il tempo di finire che Cassano incalza: “il mister mi ha detto che facevate questa domanda…”. Il resto è storia.

Allora, se il Mister te l’ha detto, due sono le cose, Cassano. O sei troppo ingenuo per capire. O sei omofobo senza ritegno. Non ti è balenato nemmeno per un attimo che la parola “frocio” è un’offesa? Sai, un po’ come se in conferenza stampa un tuo compagno di squadra dicesse: “Cassano chi? ah, quel terrone di Bari vecchia”, oppure “Balotelli chi? quel negro che gioca in Inghilterra?”. Perché diciamocela tutta, la cosa più assurda, oltre alla pochezza del calciatore, è la malizia della domanda: era davvero necessario avere un commento da Cassano? eEvidentemente sì, dato che persino il Mister l’aveva informato (tra l’altro Prandelli è uno dei pochi uomini del calcio ad essersi speso a favore dei gay, invitando i giocatori a fare coming out). E poi le risate dei giornalisti. Eh, sì. Perché se Cassano è omofobo, loro cosa sono?

Tanto per rimanere in tema. In occasione Euro2012 l’associazione LGBT berlinese, Maneo, ha lanciato una bellissima campagna. La Germania viene chiamata la squadra da battere, the team to beat e Maneo rilancia Would you also beat up your favorite player for this? (picchieresti il tuo giocatore preferito per questo?). Insomma, Germania batte Italia 1 a 0 (a voler essere clementi).

Poster tedesco contro l'omofobia nel calcio

Tags

Articoli correlati

21 commenti

  1. Ragazze, Cassano è semplicemente IGNORANTE e non ci arriva. Non sa parlare neanche l\’italiano! Il problema è che rappresenta il maschio medio italiano, ergo buzzurro-ignorante-quindiomofobo. Da insultare sarebbe semmai il giornalista (il quale dovrebbe essere laureato e quindi \”civile\”), no? Cosa si può pretendere da uno che dice: “Se penso quello che dico..” di fatti non pensa, niente.

  2. Antonio, avevo pensato la stessa cosa.
    Antonio….ma sei tu? Voglio dire sei Cassano?
    Cassano scrive a Lez Pop! Scooooooooooooop!!!!!!!!!!
    Cecchi Paone rosica!

  3. Cassano è uno dei due calciatori omosessuali. Una persona tanto omofoba non può che essere un represso.

  4. il calcio è veramente uno spreco di risorse. l’altra sera hanno dedicato un intero servizio agli svaghi di balotelli (il giornalista si è perfino soffermato a riferire cosa avesse ordinato al bar)e tutti stavano lì a crucciarsi se la squinzia che lo accompagnava fosse o meno la sua nuova fidanzata. poi ecco qua, il babbuino strapagato che se ne esce con il solito “froci” e si dichiara pure assolutamente lontano dall’omofobia. la cosa peggiore è che la gente le ascolta le minchiate che sparano i calciatori, quasi più che se fossero parlamentari. a me va il sangue alla testa.

  5. A proposito di Cecchi Paone, alla fine pare che i nomi li abbia fatti. Ma invece che usare la parola gay, ha detto Metrosexual… beh, così non dovrebbe beccarsi una querela! ed è assurdo

  6. Beh ma e’ proprio perche’ l’ambiente del calcio e’ omofobo e troglodita (con poche eccezioni) che bisogna parlarne. Certo l’ideale sarebbe fare nomi e cognomi ma non dimentichiamo che in Italia chi fa nomi e cognomi di personaggi famosi viene trovato morto dopo due settimane (Brenda, anyone?)

    Quindi qual’e’ l’alternativa, tacerne e far finta che nel calcio, come in Iran, non esistano omosessuali? Ben venga Cecchi Paone e le sue dichiarazioni, con tutte le cautele del caso. Se ne parlera’ male ma intanto se ne parla, e’ un primo passo verso discorsi piu’ sensati.

    1. mi dispiace, ma penso che dall’uscita di CP si siano solo create le due fazioni pro-cassano e contro-cassano, e non mi stupirei se oggi sui campi di calcio di tutta italia la parola “frocio” sia stata abusata! (e qui ribatto sulla grande responsabilità degli educatori in casi come questi). Penso che l’outing non sia giusto per nessuno.

      1. tutti i processi di emancipazione delle minoranze e dei gruppi svantaggiati danno luogo a periodi iniziali di “peggioramento della situazione” (a.k.a. backlash).

        Meglio avere due fazioni o tutti tacitamente d’accordo di non parlare del fenomeno, alimentando discriminazioni subdole piuttosto che esplicite? Io dico no, meglio esplicitare. Solo esplicitando si tira fuori la questione, e solo tirando fuori la questione si cambia qualcosa (nel medio-lungo periodo, mai nel breve).

        Io direi che siamo sulla strada giusta, anche se non sembra.

      2. Oh vai, sputtaniamo tutti, wtf i danni collaterali vanno messi in preventivo in una rivoluzione! O.o

    2. Cecchi Paone non può fare, purtroppo, nomi e cognomi. Non dimentichiamo che in Italia, se un giornalista rende nota la vita sessuale di un soggetto senza autorizzazione da parte di quest’ultimo, compie un reato. Per questo sono dell’idea che abbia creato un polverone inutile e controproducente. Purtroppo non riesco a vederla nell’ottica del “basta che se ne parli”.

  7. MI é dispiaciuto leggere una cosa del genere. Purtroppo il calcio é mooooooooolto dentro nel machismo e l’armadio é molto buio ancora. Poi se fanno affermazioni del genere in pubblico, cosa puó dirsi in privato. Commenti stupidi o omofobi girando negli spogliatoi, se non si sa delle persone nell’armadio non ci sono per cui si puó parlare liberamente!!
    spero essermi spiegata.
    comunque su facebook, gira questa notizia, dove puoi chiede i danni morali a cassano.
    http://calcio.liquida.it/focus/2012/06/13/sei-gay-e-cassano-ti-ha-offeso-puoi-chiedergli-i-danni-morali-parola-di-codacons/
    Io sarei per la denuncia cosí capisce l’impatto delle sue parole e la prossima volta pensa due volte a dire qualsiasi cosa, e serva da esempio a tutti gli altri.

  8. Quello che spero è che oggi nelle scuole calcio italiane, ma non solo, gli educatori delle giovanili spendano del tempo per parlare di cosa è successo ieri, condannando con fermezza l’accaduto, cosa che quei pupazzi dei giornalisti non hanno fatto (non tutti, vedi B. Ferrara della Repubblica), avallando il comportamento di Cassano con schiamazzi da camerata. Fortunatamente gli sportivi italiani non sono questi e vi invito a cercare in rete un’intervista fatta al centrale della nazionale italiana di volley Luigi Mastrangelo (che è di Mottola in provincia Taranto, perché ho anche visto commenti poco piacevoli sulla provenienza geografica di Cassano, conseguenza della sua ignoranza) in merito all’omosessualità. Oggi le scuole calcio e sportive in genere, potrebbero davvero fare qualcosa di concreto, speriamo! Ribadisco il concetto che il razzismo nello sport si combatte nello spogliatoio! Perdonate l’ennesimo post, ma lo sport è parte fondamentale della mia vita e vedere certe scene, mi ferisce in maniera esponenziale.

  9. La domanda è “a chi può mai interessare l’opinione di un buzzurro come Cassano su un qualsiasi argomento?”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close

Adblock Detected

Senza pubblicità LezPop non può sopravvivere. Per favore, disabilita il tuo adblocker. Grazie!