Trending

Dopo l’attacco ai partecipanti del Milano Pride, Stella Manente perde gli sponsor

Durante la sfilata del Milano Pride, la modella-influencer Stella Manente inveisce contro i partecipanti e invoca il ritorno di Hitler. Ora ha perso gli sponsor

Anche in un paese disattento come l’Italia, ci sono limiti che non si possono superare. È successo tutto sabato 29 giugno a Milano. La modella-influencer Stella Manente (di cui molti di noi ignoravano l’esistenza) esce di casa per andare in Stazione Centrale e si imbatte nella folla colorata del Pride. Rischia di perdere il treno, e cosa fa? Pubblica su Instagram delle stories, nelle quale inveisce contro i partecipanti alla manifestazione e invoca il ritorno di Hitler.

Io sto perdendo il treno per colpa di ‘sta massa di ignoranti… andate tutti a morire! Sarebbe dovuto esistere Hitler! Perché non esiste più Hitler?

Nel giro di poco, le sue dichiarazioni cominciano a girare per il web, irritando non solo la comunità LGBT, ma chiunque abbia un briciolo di buon senso. Parte una denuncia da parte di Gay LEX. E gli sponsor della signora Manente si defilano. Infine a puntare il dito contro l’influencer, con un post su Facebook, è la stessa agenzia, Caremoli Ruggeri che la segue:

L’agenzia gestisce una moltitudine di profili artistici e può solo non condividere o prendere posizione, ma non deve essere in alcun modo collegata a simili comportamenti o essere ritenuta responsabile di ciò che succede nella vita privata o delle posizioni filosofiche o politiche di ognuno.

Scuse inutili

E a nulla sono valse le scuse della Manente, pubblicate sempre attraverso Instagram: «Devo fare le mie più sentite scuse perché non era mia intenzione ferire nessuno. Non sapevo nemmeno dell’esistenza di questo Gay Pride e quando sono uscita di casa con questa folla a 40° ho sparlato».

Per fortuna, anche nell’Italia degli insulti, dei capitani che mangiano panini e indossano felpe a tema, dell’odio che si moltiplica in rete, esiste ancora un briciolo di rispetto. Certo, se fossimo stati in Germania, la signora Manente sarebbe finita in dei guai molto grossi (da quelle parti invocare il ritorno di Hitler è reato). Nel frattempo ci “accontentiamo” della presa di posizione da parte delle aziende sponsor, sperando che le conseguenze delle sue azioni vengano valutate in maniera adeguata anche in un’aula di tribunale.

Tags

Articoli correlati

3 commenti

  1. Questa negativa persona è volgare,cattiva e piena di pregiudizi.
    Si dice modella?influencer?…influencer del’oddio,propaga il male….deve essere ignorata dalle persone del bene,di buon senso e educcata.
    Grazie al cielo non la conosco,non ho mai sentito parlare….

  2. Stella Manente chi? Sono socia di una società di Product Placement e sono gay, questa qui non la conosco e non vorrei mai conoscerla e i miei sponsor non li avrà mai

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close

Adblock Detected

Senza pubblicità LezPop non può sopravvivere. Per favore, disabilita il tuo adblocker. Grazie!