Trending

Frasi sessiste nel calcio. Il problema sono le donne maschiliste come la moglie di Collovati

Le frasi sessiste dell'ex azzurro Collovati sul caso Icardi sono superate da quelle della moglie, una donna "maschilista"

Premessa. Di calcio ne capisco poco o niente. Sono tifosa del Napoli da quando vivo a Milano: trovo che sia un modo romantico per ricordare le mie origini. Per cui non mi cimento nemmeno in discussioni su tattica, moduli, e robe simili. L’unica cosa che so, e che mi interessa, è che a scendere in campo ci sono undici giocatori, di cui uno resta fermo in porta e ha una divisa di un colore diverso. Spesso imbarazzante.

In questi giorni, però, leggo della questione Wanda Nara, moglie e manager del bomber dell’Inter, ex capitano, Mauro Icardi. Mi interessa poco, però inciampo in delle frasi parecchio sessiste che, al netto delle considerazioni sul caso Icardi-Inter, mi sembrano davvero ignobili.

La peggiore è arrivata durante la trasmissione Quelli che il calcio, da Fulvio Collovati, ex giocatore della nazionale ed ex campione del mondo nell”82 con Bearzot (di lui mi ricordo perché fumava la pipa e giocava a carte con Pertini): «Quando sento una donna, poi la moglie di un calciatore, parlare di tattica mi si rivolta lo stomaco, non ce la faccio. Se parli della partita e di come è andata va bene, ma non puoi parlare di tattica perché una donna non capisce come un uomo».

Frasi orribili, per le quali l’ex azzurro è stato sospeso dalla Rai. E meno male. Ma l’idea di una donna sottomessa e incapace di parlare di calcio è persistente. Non tanto nelle parole di Collovati, ma in quelle della moglie Caterina. E per questo ancor più gravi: «Di tattiche io e Fulvio non parliamo mai. Su questo io e Fulvio siamo d’accordo, le donne devono stare un passo indietro, lo dico ad alta voce. Lasciamo che il calcio resti commentato dai maschi, basta con questo politicamente corretto che ci distrugge».

Mi chiedo: è possibile che una donna, nel 2019, arrivi ad odiare talmente tanto se stessa da avallare l’idea di essere implicitamente inferiore? Una tale sottomissione è imbarazzante. Anche peggio della Isoardi che stirava le camicie di Salvini. 

Per fortuna il calcio è anche altro. E se gli azzurri maschi non sono stati capaci di qualificarsi ai mondiali, beh, le azzurre hanno stravinto il girone di qualificazione e quest’anno parteciperanno alla fase finale dei mondiali, alla faccia di Collovati e di sua moglie, maschilista.

Tags

Articoli correlati

Un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close

Adblock Detected

Senza pubblicità LezPop non può sopravvivere. Per favore, disabilita il tuo adblocker. Grazie!