God Control di Madonna il video dedicato alla strage di Orlando [VIDEO]

Con il video di God Control, Madonna prova a raccontare quello che è successo nella strage di Orlando

Il video di God Control di Madonna, tratto dall’album Madame X, è l’ennesima presa di posizione contro la diffusione delle armi negli Stati Uniti. Ambientato negli anni ’70, God Control ricostruisce quello che successe nel 2016 ad Orlando, quando un uomo, Omar Meteen, entrò nel locale gay Pulse e uccise con un’arma da fuoco 49 persone.

God Control è un misto di cose che stridono. Da una parte l’immagine solita di Madonna, discoteca, ballerini, gente che si diverte (basti pensare a Hang UpDeeper and Deeper… per di più, Madonna con la parrucca bionda ricorda terribilmente Raffaella Carrà). Dall’altra la violenza. La sparatoria nella discoteca e il furto, con minaccia di morte, alla stessa Madonna.

Il tutto raccontato dalla cantante, seduta davanti ad una macchina da scrivere, con le foto di tre donne appese alla parete: Simone De Beauvoir, una giovanissima Frida Kahlo, e l’attivista per i diritti civili Angela Davis. Di quest’ultima è la citazione con cui si chiude il filmato: “I am no longer accepting the things I cannot change. I am changing the things I cannot accept.

Madonna ha commentato così il video di God Control:

Se sei seduta nel tuo appartamento tutto il giorno e scrivi della caduta dell’umanità, dopo un po’ hai bisogno di divertirti. E allora, dov’è che va una ragazza per divertirsi? Va in discoteca… Ho cercato di mostrare il mondo della disco e della libertà e come quella gioia possa essere spezzata da un oggetto piccolo di metallo che può porre fine alla vita di una persona.

Il video nel suo insieme è un pugno allo stomaco, ed è una presa di posizione diretta contro la diffusione delle armi negli Stati Uniti. Una posizione che viene più volte ripetuta in Madame X (uno degli album più “politici” della cantante insieme ad American Life). Madame X si chiude con I rise, nella quale si sente la voce di Emma Gonzalez, una dei sopravvissuti al massacro di Parkland e attivista contro la diffusione delle armi da fuoco.ß

Il video di God Control, però, non è piaciuta a tutti. Una dei sopravvissuti del Pulse, Patience Carter ha dichiarato: «È davvero difficile da guardare. Capisco che volesse creare consapevolezza sul controllo delle armi, ma non credo che questo fosse il modo giusto».

Tags

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close

Adblock Detected

Senza pubblicità LezPop non può sopravvivere. Per favore, disabilita il tuo adblocker. Grazie!