Malesia vieta alla cantante lesbica Denise Ho di tenere concerti nel paese

Alla cantante è stato vietato il visto per poter tenere un concerto ad aprile

Vietato l’ingresso ai sostenitori dei diritti LGBT. E’ il nuovissimo cartello di discriminazione della Malesia che ha recentemente negato il visto alla cantante di Hong Kong, con passaporto canadese, Denise Ho. La cantante ha fatto coming out nel 2012 ma questo non le ha impedito di diventare famosa in particolare nel mondo asiatico. Doveva tenere un concerto il 14 Aprile in Malesia che però è stato cancellato. Il governo malese avrebbe infatti espresso “preoccupazione” per il suo sostegno alla comunità LGBT.

Mi dispiace ma il concerto del tour “dear self, dear world” che era programmato per il 14 aprile in Malesia è stato cancellato. Dopo due settimane di trattative, abbiamo ricevuto la chiamata ufficiale, e il permesso di lavoro per esibirmi non è stato passato e il mio collega, che ha risposto al telefono, mi ha detto che il mio ruolo nella comunità LGBT è stato un ostacolo.”

La Malesia è un paese a maggioranza musulmana, e l’omosessualità è ancora considerata un reato. Non stupisce quindi questa nuova forma di repressione. Sì, perché impedire a una artista internazionale perché lesbica e sostenitrice dei diritti delle persone omosessuali di esibirsi e di entrare in un paese è solo un altro modo per reprimere la comunità LGBT. Impedire ai giovani LGBT malesi di vedere che c’è un mondo la fuori in cui si può essere gay o trans ed essere felici. Di avere esempi positivi e incoraggianti.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close

Adblock Detected

Senza pubblicità LezPop non può sopravvivere. Per favore, disabilita il tuo adblocker. Grazie!