Marielle Franco, la fidanzata parla del lutto: “Aspetto il suo ritorno”

Nelle strade di Rio il popolo grida ancora il nome dell'attivista assassinata

La community di LezPop

Mônica Benício, la fidanzata di Marielle Franco, ha trovato finalmente la forza di parlare pubblicamente del terribile trauma dell’assassinio dell’attivista. Lesbica dichiarata, femminista, nera, dalla parte del popolo dei nullatenenti delle favelas: Marielle era entrata nel mirino già con la sua elezione nel Consiglio del Comune di Rio de Janeiro. Nonostante avesse contro tutti i pronostici per il suo essere parte di diverse minoranze discriminate, era arrivata quinta fra tutti i consiglieri per numero di voti. Fuori dalla dimensione pubblica c’era però una donna parte di una coppia innamorata, che progettava il matrimonio.

Mônica in un’intervista al Guardian apre uno squarcio sulla sua tragedia personale di vedova che ancora “aspetta il suo ritorno, da un momento all’altro“.

Ho urlato e gridato. Ho distrutto parte della casa… Nulla di tutto questo sembrava reale… Era come essere in un incubo da cui mi sarei svegliata all’improvviso. Ma più amici arrivavano e più diventava reale. Più concreto. Più disperato.

Ci sono due Marielle: quella che tutti nelle strade gridano sia viva e la Marielle che è la mia compagna e il cui lutto non sono ancora riuscita ad elaborare. Non ho ancora accettato ciò che è successo.

Marielle Franco, un omicidio politico

Marielle ha perso la vita lo scorso mese a 38 anni insieme all’autista Pedro Gomes (39). Pesanti gli indizi che suggeriscono un coinvolgimento di parte della polizia di Rio, contro la cui violenza ingiustificata verso le minoranze Marielle si era battuta. Mônica come i compagni e le compagne di lotta di Marielle non ha dubbi:

Non metto per nulla in discussione che si sia trattato di un crimine politico. Era la nostra unica conigliera nera. Una donna lesbica e nera delle favelas che occupava una posizione di potere che è perlopiù riservata agli uomini bianchi parte dell'”élite brasiliana”.

Le indagini proseguono e le autorità ammettono che si è trattato di un omicidio intenzionale, mirato. Le possibilità che sia fatta giustizia contro i mandanti appare tuttavia una speranza destinata a infrangersi.

Brasile. Uccisa Marielle Franco, consigliera comunale lesbica di Rio e attivista per i diritti umani

Share Button

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close

Adblock Detected

Senza pubblicità LezPop non può sopravvivere. Per favore, disabilita il tuo adblocker. Grazie!