Milano: la madre non l’accetta, ragazza lesbica tenta suicidio

L'episodio in una stazione della metropolitana, due passeggeri l'hanno salvata

La mattina del 24 maggio è stata sventata una tragedia che ha visto protagonista una ragazza lesbica nei pressi dei binari della stazione della metropolitana di San Babila a Milano. Due persone in attesa del passaggio della linea 1 (la metro “rossa”) hanno notato un ragazza di circa 23 anni in stato di agitazione che più volte si è spinta oltre la linea gialla di sicurezza. L’uomo di 48 anni e la donna di 45 anni che hanno assistito alla scena e si sono avvicinati alla ragazza per chiederle se stesse bene. L’intervento è stato fondamentale per sventare un suicidio.

La giovane di origine colombiana inizialmente ha resistito all’interessamento dei due passeggeri della metro, poi si è lasciata convincere ad abbandonare il margine della banchina oltre la linea gialla di sicurezza. Allontanata provvidenzialmente dal pericolo di essere travolta dal treno, la ragazza è scoppiata in lacrime ed ha confessato ai due sconosciuti che l’hanno tratta in salvo il motivo che la stava spingendo ad un gesto estremo. Stando al racconto della giovane, i suoi rapporti con la madre sono tesi e in perenne conflitto per via del suo orientamento sessuale: la donna non accetta che la figlia sia lesbica e possa vivere relazioni con altre donne.

Ragazza lesbica vicina al suicidio, salvata da due passeggeri della metro

Un’altra donna di 45 anni che ha osservato l’accaduto ha chiamato nel frattempo la Polizia di Stato e gli operatori del servizio sanitario di urgenza ed emergenza al 118. I paramedici sono giunti sul luogo per parlare con la ragazza ed accompagnarla al Pronto Soccorso del Policlinico, così da effettuare controlli e scongiurare il pericolo che potesse ripetere il tentativo di suicidio di poco prima. Gli agenti della Polizia hanno provveduto ad informare la madre di quanto era successo e non possiamo che sperare che l’episodio convinca la donna a rivedere il suo comportamento per il bene della figlia.

Più pensieri suicidi per gli adolescenti LGBT che si nascondono

Share Button
Tags

Articoli correlati

Un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close

Adblock Detected

Senza pubblicità LezPop non può sopravvivere. Per favore, disabilita il tuo adblocker. Grazie!