Nicole Bonamino sul caso Belloli: “Ora dichiaratevi tutte, fate coming out” BRAVA

nicole bonamino

Nicole Bonamino, la giocatrici di hockey che ha dichiarato la sua omosessualità sulle pagine di LezPop e che ora sta partecipando al progetto FUORI!, ha colto la “palla al balzo” dopo le affermazioni omofobe di Belloli per invitare tutte le sportive e sportivi a fare coming out.

“A livello sportivo sia tra gli uomini sia tra le donne, sono la sola ad aver dichiarato la mia omosessualità e questo è assurdo. Possibile che con tutti gli atleti in Italia, io sia l’unica omosessuale? Dopo il caso di Belloli sarebbe il momento che anche altri venissero fuori. Magari proprio qualche calciatrice, perché il presidente della Lnd ha detto una frase che è un insulto come donna, come giocatrice e come lesbicaLa frase è scandalosa, perché è sbagliata da ogni punto di vista. Prima nell’uso del termine lesbica in senso dispregiativo, in secondo luogo nel parlare di soldi per il calcio femminile. Ma quali soldi? Non è minimamente paragonabile l’impegno economico profuso con il mondo del pallone degli uomini. Le calciatrici non sono tutte pagate ed è comunque lo sport più praticato in Italia. Se fosse gestito meglio ai vertici, si potrebbe fare molto di più. Da un presidente non ci si aspetta un’affermazione del genere e poi, nel pieno stile italiano, nonostante un verbale e i testimoni, nega tutto. In qualsiasi altro paese si sarebbe dimesso”.

E anche se le ragazze del calcio femminile hanno reagito a quegli insulti, non è comunque abbastanza. Si dovrebbe spingere anche il Coni a muoversi: “Dopo questi episodi, si dovrebbe proporre un regolamento antiomofobo che non esiste. Se qualcuno viene insultato con degli striscioni di discriminazione sessuale, non c’è nessuna punizione. Su questi temi c’è tanta ignoranza e purtroppo la gente è omofoba inconsapevolmente.

Brava Nicole, speriamo che seguano il tuo esempio in tant*!

Tags

Articoli correlati

2 commenti

  1. Ho avuto la possibilità di partecipare (come tifosa) a parecchie partite di calcio a cinque femminile. Non c’è stata una partita nella quale il furbo (si, proprio IL) di turno non abbia urlato qualcosa tipo “dai corri, lesbica di una!” Oppure “quello è un fallo, lesbica!” O ancora ho sentito partire i grandi cori contro un’azione sbagliata di una giocatrice…”lesbica! Sei solo una lesbica!”. È davvero raccapricciante perché per ad una persona come me, che già lo sport non fa impazzire, passa completamente la voglia!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close

Adblock Detected

Senza pubblicità LezPop non può sopravvivere. Per favore, disabilita il tuo adblocker. Grazie!