Sei gay? Non ti rinnovo la patente, non sei idoneo a livello psicofisico! OMOFOBIA

patente-gay

S.R. vive a Pavia, ha 28 anni ed essendo passati 10 anni dai sui 18 ha provato a rinnovare la propria patente, ma se l’è vista negare in quanto omosessuale. Vi state chiedendo cosa c’entri il suo orientamento con la sua idoneità alla guida, ma soprattutto perché abbia dovuto dichiararlo in sede di rinnovo? Ecco cosa dichiara Agitalia sulla vicenda dopo aver esposto denuncia al giudice di Pavia: stando a quanto riferisce l’uomo qualche giorno fa aveva fatto domanda per il rinnovo della patente di guida civile di tipo “B”, ma gli è stato negato per “inidoneità psicofisica” alla guida avendo dichiarato al medico legale di essere omosessuale.

Nell’impugnazione Agitalia sottolinea che: il ricorrente è titolare di patente di guida civile del tipo “B” conseguita a seguito di esame presso la Motorizzazione Civile di Milano in data 29 gennaio 2005. In data 11 dicembre 2014 si sottoponeva a visita medico legale presso Asl di competenza, con presentazione del certificato anamnestico rilasciato dal proprio medico di famiglia, per il primo rinnovo decennale della patente come prescritto dalla legge. [In quella sede] consapevole delle responsabilità civili e penali per le dichiarazioni false o mendaci, rendeva edotto il medico esaminatore della propria condizione personale di omosessualità che lo aveva, già in passato, portato ad essere escluso per inidoneità all’uso delle armi dal concorso di agente di polizia“.

Dopo l’esame medico legale è emerso che “… a seguito di atto interno della Motorizzazione Civile di Milano, la Prefettura di Milano con il Provvedimento impugnato del 29 gennaio 2015 negava il rinnovo della patente di guida sostenendo che il ricorrente non aveva più i ‘requisiti psicofisici richiesti’ per l’idoneità alla guida”.

Chiaramente Agitalia ha chiesto il riesame di tutto vista l’assoluta infondatezza di quanto avallato dalla Prefettura, sopratuttto all luce di quanto accaduto pochi mesi fa, quando la Corte Costituzionale in un caso simile ha dichiarato illegittimo il provvedimento di diniego della patente di guida in caso di omosessualità tacciando addirittura tale provvedimento come “omofobo” e violativo dei diritti dell’uomo come sancito dalla nota Convenzione Europea.Speriamo che la storia di S.R. finisca con lo stesso lieto fine un risarcimento di 500.000 euro.

Speriamo che la storia di S.R. finisca con lo stesso lieto fine un risarcimento di 500.000 euro.

Share Button
Tags

Arianna P

Aspirante yogi e non sto parlando dell'orso :)

Articoli correlati

4 commenti

  1. Attenzione, ho letto che l’attendibilità di Agitalia è prossima allo zero, pare.
    Questo articolo racconta un certo modus operandi truffaldino
    http://iltirreno.gelocal.it/pisa/cronaca/2015/01/14/news/agitalia-la-fabbrica-delle-bufale-1.10666866

    Magari sperano che tutti quelli che hanno dichiarato di essere omosessuali alla visita di leva ecc gli scrivano, non credete?
    Questa notizia sta girando talmente tanto, la loro credibilità sta aumentando ad ogni click, non mi sembra positivo, visto che al 90 per cento è una bufala. Penso che nessuno abbia verificato telefonando alla motorizzazione, l’unica fonte è un comunicato di Agitalia.

    1. Prima che qualcuno posti i link di Adnkronos, Libero ecc ecc…
      Sottolineo che tutti, ma proprio tutti, citano come fonte solamente Agitalia.
      I giornalisti non controllano più le fonti. O meglio, per loro controllare significa googlare la notizia e vedere se l’ha pubblicata anche qualche testata importante e rispettabile. Ma se alzassero la cornetta e chiamassero l’ufficio stampa della prefettura di Milano (il numero è su internet) si sentirebbero dire, come è capitato a me, che 1-non ha senso questo ping pong tra Pavia e Milano, non sarebbe il loro ambito di competenza. 2- non hanno traccia del provvedimento. 3- basandosi sul lancio di Agitalia – agenzia che hanno provato a chiamare invano – sono risaliti a fatica a una data di nascita e a un paio di iniziali, a cui non è associato nulla. Parlano di bufala, ma non pubblicheranno nessun comunicato di smentita, lasciano correre. Quanto al tribunale di Pavia, non sono riuscita a sentirlo. Qualcuno mi vuole aiutare a fare debunking? :-)

      1. Insomma ormai bisogna credere solo a quello che si vede, chi sono oggi le fonti attendibili?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close

Adblock Detected

Senza pubblicità LezPop non può sopravvivere. Per favore, disabilita il tuo adblocker. Grazie!