Perché Cristiano Ronaldo deve essere innocente

Da quando è stata resa pubblica l'accusa di stupro di Kathryn Mayorga contro Cristiano Ronaldo, l'opinione pubblica italiana si è stretta (quasi all'unanimità) attorno al fuoriclasse portoghese. Ormai sono convinta anch'io (o quasi) dell'innocenza di CR7

Quando agli inizi di ottobre è balzata alla cronaca l’accusa di stupro di Kathryn Mayorga contro Cristiano Ronaldo, l’opinione pubblica italiana si è stretta (quasi all’unanimità) attorno al fuoriclasse portoghese. Si sono sprecate così tante parole in difesa di CR7 che ormai ne sono convinta anch’io. Non può essere diversamente: Cristiano Ronaldo è innocente.

Per prima cosa, lo dice la Juventus che si è indebitata fino al collo per accaparrarsi l’ex attaccante del Real Madrid. Ronaldo è un professionista serio, e «le vicende asseritamente risalenti a quasi 10 anni fa, non modificano questa opinione, condivisa da chiunque sia entrato in contatto con questo grande campione», così hanno twittato da Torino appena è stata resa pubblica la denuncia di Kathryn Mayorga. Del resto, cos’è questo se non un complotto contro il club bianconero?

Lo dicono anche i papà che hanno comprato ai figli maschi la maglietta della Juve col numero 7. Questi bravi padri di famiglia possono mica pensare di aver speso fino a 120 euro per la maglia di uno stupratore? E lo credono anche le mogli dei papà che sperano che il marito di notte si trasformi in Cristiano Ronaldo, aitante, vincente e ricco, convinte che se una donna va a casa di uno così non può dire di no. Lui è CR7, quell’altra è una modella pagata per far bere gli uomini con i soldi nei locali di Las Vegas. Niente più, niente meno che una puttana. E si sa, una puttana è un oggetto, non può dire di no!

Ronaldo è innocente, lo dicono i ministri e i politici del Portogallo che vedono nel connazionale uno dei pochi motivi di riscatto di un paese meraviglioso quanto povero e sconosciuto. Lo dicono anche le curve dei tifosi bianconeri (gli stessi che invitano il Vesuvio a seppellire Napoli con la lava): un campione come lui è dio sceso in terra, guai a chi lo tocca, ci farà vincere l’ottavo scudetto, la Champions, e se abbiamo perso il lavoro ci darà anche da mangiare.

Ronaldo è innocente. Lo dicono i giornalisti italiani. Lo scrive Vittorio Feltri sulle pagine di Tuttosport, definendo il #Metoo una vera e propria industria, desiderosa di distruggere gli uomini, non prima di averli sfruttati economicamente. Le donne “frignano”, ci ricorda Feltri, perché vogliono i soldi. E se denunciano dopo 10 anni come Kathryn Mayorga, o dopo 20 come Asia Argento, è solo perché sperano di incassare di più.

Cristiano Ronaldo non può essere uno stupratore. Lo scrive il Corriere dello sport, che riprende la foto lanciata su Instagram dalla madre Dolores Aveiro e dalla sorella Katia (loro sì che sono geni del marketing) con tanto di titolo “Giustizia per CR7”. In effetti, il caso Ronaldo ricorda un po’ il caso Regeni, no?

Soprattutto Cristiano Ronaldo deve essere innocente per l’intera società italiana. Altrimenti come fa il maschio medio a giustificare i suoi comportanti violenti? Come riassume egregiamente il signor Giampiero Mughini: «Quello di Ronaldo non è stato uno stupro, ma un semplice rapporto non consenziente con una ragazza». Ed io ingenua che pensavo fossero la stessa cosa!

Share Button
Tags

La Mile

Lazy and creative. Proud mommy of an amazing girl pug.

Articoli correlati

9 commenti

  1. Il Portogallo paese povero e sconosciuto?
    Scusi sa, ma fa pure parte dell UE.
    Mile scriva di serie tv e altre cose poppolose(non si chiama lezpop?) come cara destavigna o nostrasignora dei vampiri, che qui la sua penna per queste cose non è indicata.
    Saluti
    Ps concordo con lei comunque sulla tristezza delle argomentazioni a favore di Ronaldo. Ma si sa, mica per caso siamo in una società del “cazz* »

    1. Cara Maria,
      le chiedo cortesemente di dirmi quali personaggi portoghesi famosi in tutto il mondo conosce, a parte (ovviamente) Cristiano Ronaldo. Così magari dimostra quanto sono inadatta a scrivere di certi argomenti. Grazie mille!

  2. certo che anche i belli stuprano e anche i/le brutti/e vengono stuprati dato che lo stupro è solo violenza non sesso, non desiderio. E lo stupro è esattamente un atto sessuale (ma che non ha a che fare col sesso) non consensuale con buona pace di mughini quindi è fuori di logica che una donna “voglia” essere stuprata da quacuno: se lo vuoi non è uno stupro. Se lei dice no e lui continua è stupro non importa quante volte abbia acconsentito prima, e io credo che la maggior parte degli uomini oggi in occodente lo sappia e sia in grado di recepire e accettare il rifiuto femminile nel sesso, una minoranza purtropo non vuole accettare quel no ed è colpevole

  3. Ragazze tornate a scrivere di film, libri o altre “stupidate” frociarole invece di fare articoli su cui non sapete nulla!! Non date anche voi visibilità a delle femmine (perché non sono donne per quanto mi riguarda) del genere!! E poi… non si è sempre detto che CR7 è gay?!? Adesso diventa uno stupratore di donne!! Ma dai!! Ragionate prima scrivere certe cose!!

    1. Ci sei caduta anche tu. Chi ti dice che accuso Ronaldo? La mia accusa è contro l’opinione pubblica italiana. Poi, se vuoi difendere Mughini («Quello di Ronaldo non è stato uno stupro, ma un semplice rapporto non consenziente con una ragazza») il problema non è mio, ma tuo.

      1. Assolutamente non difendo Mughini come non difendo il genio di Feltri che hanno avuto delle uscite da far rabbrividire!! Al contrario difendo quelle Donne che purtroppo ogni giorno vengono davvero stuprate e che l’unica cosa che vogliono è giustizia e non notorietà e soldi giocando anche su una depressione a livelli così alti da pensare ad un suicidio perché anche la depressione è una brutta bestia e chi davvero ci soffre lo fa non ci pensa solo!!

      2. Ma questo non è minimamente toccato nell’articolo. Cosa ti fa pensare che stia difendendo la Mayorga e accusando Ronaldo? Onestamente non mi sento di prendere nessuna posizione in merito, anche perché a dover decidere se le accuse di Kathryn Mayorga sono vere oppure no non sono io, non sei tu, e nemmeno i signori della Juventus, ma è un tribunale americano. Per cui l’unica cosa che possiamo fare è indignarci per il livello di maschilismo di questo paese, nel mondo del calcio ma non solo. Un maschilismo che ahimè non tocca solo gli uomini, ma anche tante, troppe donne,.

    2. Il problema affrontato, è come viene percepita la vicenda, al di là che sia colpevole o meno. Belll’articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close

Adblock Detected

Senza pubblicità LezPop non può sopravvivere. Per favore, disabilita il tuo adblocker. Grazie!