Il Popolo della Famiglia vuole vietare il concerto di Elton John a Verona

Il seguace di Adinolfi: "Per quanto bravo ha la colpa di aver comprato un bambino"

Elton John si prepara a chiudere la sua irripetibile carriera di successo nel 2019. Tanto orgoglio per l’Italia, dato che il baronetto inglese ha scelto l’Arena di Verona per l’ultimo saluto dal palco al proprio pubblico. A rovinare la festa di addio alle scene della leggendaria popstar ci si è messo Il Popolo della Famiglia. Filippo Grigolini, seguace veronese di Mario Adinolfi, ha chiesto di proibire il più importante concerto mondiale previsto nel 2019 perché Elton John: “per quanto bravo ha la colpa di aver comprato un bambino“.

Gian Marco Mazzi, amministratore unico di Arena Extra, ovviamente non ci sta a partecipare in un suicidio professionale e culturale:

Elton John ha deciso di tenere nel 2019, il 29 e 30 maggio, l’ultimo concerto all’Arena di Verona, a coronamento di una carriera artistica leggendaria. Parlare di Elton John significa parlare di uno dei più grandi artisti e compositori della storia della musica di tutto il mondo, un vero e proprio genio.

Elton John ha composto più di 700 canzoni, venduto oltre 400 milioni di dischi. Insignito dalla regina Elisabetta d’Inghilterra del titolo di Cavaliere per servigi resi alla musica, alla cultura e alla beneficenza, la sua Aids Foundation ha raccolto oltre 150 milioni di dollari per programmi di lotta contro la malattia in 55 Paesi del Mondo, dal 1997 membro onorario della Royal Academy of Music di Londra. Devo aggiungere altro?

Il Popolo della Famiglia di Adinolfi vuole censurare l'ultimo concerto di Elton John previsto in Italia

Il Popolo della Famiglia contro Elton John

Il Popolo della Famiglia, incurante della figuraccia elettorale, si prepara ad organizzare altre forme di protesta contro Elton John, “colpevole” di essere diventato padre attraverso la GPA. Grigolini in modo agghiacciante precisa di voler: “rilanciare il dibattito sull’utero in affitto, che non ha nulla a che vedere con le scelte personali e sessuali dell’artista. Il punto centrale è lo sfruttamento di un utero femminile, ancora reato in Italia, che l’artista ha compiuto per il proprio egoismo a danno di un bambino che non avrà mai la sua mamma. Non perché sia morta o scomparsa ma perché lui è stato venduto al parto“.

A queste parole non sono mancate le reazioni dei politici locali, per fortuna in questo caso unanimi nel condannare le pretese ridicole di Grigolini. Davide Bendinelli di Forza Italia ha così liquidato il Popolo della Famiglia:
Elton va giudicato solo sul piano artistico. Il resto è una sorta di caccia alle streghe che ricorda l’inquisizione.
E a giudicare un mostro sacro come Elton John proprio non può essere un partito che ha ricevuto alle ultime elezioni lo 0,6% dei voti…

Share Button
Tags

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close

Adblock Detected

Senza pubblicità LezPop non può sopravvivere. Per favore, disabilita il tuo adblocker. Grazie!