Sessismo shock, lo sdegno delle atlete contro il presidente della Sampdoria

Al termine del derby: "La porta è come una donna: non va discussa, va penetrata!"

Massimo Ferrero, il presidente della squadra genovese di calcio della Sampdoria, è già tristemente noto per diverse uscite discutibili (e una certa familiarità con le aule del tribunale). Se in passato aveva riservato espressioni razziste ad Erick Tohir, il presidente indonesiano dell’Inter, stavolta nello scivolone travolge le donne con il suo sessismo. Riferendosi infatti al pareggio a reti inviolate (0 – 0) del derby di Genova e al lavoro del mister Giampaolo, il presidente blucerchiato ha avuto la faccia tosta di commentare in diretta TV:

Sta lì 12 ore a staccarsi i maroni con questi che quando vedono la palla non la buttano dentro. Ma la porta è come una donna, non va discussa, va penetrata! Se mi tengo stretto Giampaolo? Se lo tiene stretto la moglie.

Ferrero in questo modo alludeva alla scarsa propensione al goal degli attaccanti della sua Samp, ma con una frase pregna di sessismo ormai fuorigioco anche nelle osterie.

L’Assist contro il sessismo del presidente della Samp

Lo sdegno per la frase shock del presidente sampdoriano non è tardato ad arrivare. Luisa Rizzitelli, Presidente dell’Assist (Associazione Nazionale Atlete”), ha chiesto pubblicamente alla Federazione Italiana Giuoco Calcio (FIGC) di intervenire in sede disciplinare contro Massimo Ferrero:

Esprimiamo il più profondo disgusto per la frase pronunciata da #Ferrero, presidente della #Sampdoria. Chieda scusa non solo a tutte le #donne, ma a chiunque abbia a cuore il rispetto tra i generi. Questa frase, retriva e indegna, ci fa arrabbiare ancor più perché pronunciata da un individuo che dovrebbe rappresentare un’eccellenza dello sport. A questo riguardo, chiediamo alla procura federale della FIGC di valutare adeguati provvedimenti per l’uso di un linguaggio inaccettabile e inqualificabile sia per gli uomini che per le donne e non solo per quelli che amano il #calcio.

La FIGC dovrebbe lanciare un segnale sanzionando il linguaggio inqualificabile di Ferrero. Il sessismo non deve essere parte del mondo del calcio, a maggior ragione in un momento in cui le nostre ragazze della Nazionale sono a un passo dal tornare a competere ai Mondiali, mentre gli strapagati colleghi uomini guarderanno i loro dal divano.

Share Button

Articoli correlati

3 commenti

  1. frase deplorevole di un vecchio cresciuto in un mondo vecchio. detto da uno che ama il sesso e anche la penetrazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close

Adblock Detected

Senza pubblicità LezPop non può sopravvivere. Per favore, disabilita il tuo adblocker. Grazie!