Sue Bird: «Il presidente Trump odia la mia fidanzata Megan Rapinoe»

Sue Bird racconta il rapporto con la fidanzata Megan Rapinoe e dice di aver paura per gli attacchi di Donald Trump

Sue Bird è la fidanzata di Megan Rapinoe, nonché star della WNBA (gioca nella squadra delle Seattle Storm). Di recente ha scritto un articolo per The Players Tribune, nel quale, senza mezzi termini, punta il dito contro il presidente Trump. A cominciare dal titolo: «So the President F*cking Hates My Girlfriend».

Tra le tante cose che racconta la Bird ci sono aspetti privati, come il fatto che fosse contraria ai capelli rosa di Megan Rapinoe, che chiama “alieno” per la sua infinita bravura, e questioni pubbliche, come la battaglia sulla parità di retribuzione nello sport. Ma il cuore dell’articolo riguarda il rapporto della Rapinoe (e il suo) col presidente Trump.

Com’è possibile che il Presidente (proprio quello) degli Stati Uniti (proprio Americani) diventi un ragazzino quando si parla della tua ragazza? È strano. E direi che ho anche avuto una reazione piuttosto normale: un po’ ho perso la testa.

Mondiali calcio femminile. Le calciatrici lesbiche e bisessuali dichiarate [GALLERY]

La paura di Sue Bird

Negli ultimi giorni, Megan Rapinoe è stata al centro di una polemica col presidente: durante i Mondiali di Francia 2019 si è rifiutata di cantare l’inno nazionale, dichiarando che non sarebbe andata alla “fottuta” Casa Bianca.

Le nostre idee politiche sono simili. Dopo aver vinto la WNBA con il Seattle Storm, non siamo andate alla (cazzo) di Casa Bianca. Ma abbiamo approcci diversi. Ne abbiamo parlato a lungo, e sta succedendo a lei, e se devo essere onesta mi fa andare fuori di testa. Adesso ci sono tutti queste persone che seguono MAGA (Make America Great Again, lo slogan di Trump – ndr) che diventano sempre più ostili verso di lei. E ci sono questi blog assurdi che scrivono cose orribili su una persona a cui tengo tantissimo. E ora stanno cercando di screditare Megan su Fox News, e chissà cos’altro potrà accadere. È una specie di esperienza extra-corporea che non so davvero come spiegare. Almeno lo è per me.

L’impassibilità di Megan Rapinoe

A differenza di Sue Bird, però, Megan Rapinoe è impassibile. Bird, infatti, è impressionata dalla reazione della fidanzata.

Non si intimorisce. Farà quello che vuole, a modo suo, al suo dannato ritmo, e non si scuserà con nessuno. È la sensibilità di Megan che la spinge a combattere per gli altri. Penso che sia ciò che l’ha spinta mettersi in ginocchio (segno di protesta dei giocatori di football afroamericani contro le politiche discriminatorie di Trump, nrd). La Megan che stiamo vedendo ora? È la versione più forte di colei che si inginocchiò la prima volta. Penso che nel tentativo di aiutare gli altri, Megan abbia cementato la persona che è adesso.

Martedì 2 luglio, gli Stati Uniti hanno vinto la semifinale contro l’Inghilterra, anche se Rapinoe non ha giocato a causa di problemi muscolari. Domenica 7 luglio team USA affronterà la vincente tra Svezia e Olanda, alla ricerca del secondo titolo consecutivo ai Mondiali di calcio femminile. Vedremo cosa succederà.

Tags

Articoli correlati

2 commenti

  1. La storia americana ha avuto altri Presidenti come Trump, ricordate Nixon e quella tinca di Johnson? E durante il periodo della caccia alle streghe che ha privato Hollywood dei migliori artisti definendoli traditori comunisti? Il popolo americano ha sempre superato queste fasi di stallo della propria crescita libera e come è successo con Obama un Presidente migliore arriverà, l’importante è fare in modo che questo non combini troppi danni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close

Adblock Detected

Senza pubblicità LezPop non può sopravvivere. Per favore, disabilita il tuo adblocker. Grazie!