Trending

Verona capitale degli ultracattolici che tolgono diritti alle donne. La risposta delle associazioni

Ieri il consiglio comunale di Verona ha approvato una mozione attraverso la quale si finanziano le associazioni cattoliche contro l'aborto

L’arrivo del cosiddetto Governo del cambiamento non presagiva niente di buono per la comunità LGBT e per le battaglie delle donne. A distanza di pochi mesi, purtroppo, arrivano sempre più conferme di quello che era un “sospetto” iniziale.

Un esempio: ieri il consiglio comunale di Verona ha approvato una mozione sulla legge 194 (quella che regola l’interruzione di gravidanza) che porta l’Italia sempre più verso l’anno zero dei diritti. Il consigliere della Lega, Alberti Zelger, ha incassato una vittoria importante per tutti quei movimenti che vogliono togliere libertà alle donne.

Grazie anche al voto della capogruppo del Partito Democratico, Carla Padovani, è stata approvata la mozione 434 che dichiara ufficialmente Verona “città a favore della vita” e che finanzia associazioni cattoliche a scopo di lucro che hanno l’obiettivo di promuovere iniziative contro l’aborto. Non un soldo, invece, stanziato per i consultori e le strutture di sostegno per le donne che scelgono di abortire.

A nulla sono valse (almeno finora) le proteste di associazioni di donne che in questi giorni hanno cercato di bloccare la mozione – per tutto il tempo della discussione, era presente un gruppo di attiviste di Non una di meno vestite da ancelle di Gilead.

Ormai, appare piuttosto chiaro quanto i cosiddetti “movimenti per la vita”, ultracattolici e di ultra destra si stiano impossessando delle istituzioni, a livello locale come a livello nazionale (ricordate l’incontro di Gandolfini con il Ministro della famiglia, Fontana, di quest’estate?). Tempi bui. Davanti ai quali non ci si può tirare indietro. Anzi. Questa è l’iniziativa di Non una di meno Verona: mail bombing nei confronti dei consiglieri comunali che hanno votato la mozione.

Share Button
Tags

Articoli correlati

2 commenti

  1. Si presuppone il qui presente Berlicche non possa esprimere un opinione o meglio, UNA REALTA OGGETTIVA, non conforme a questo mare di stronzate, nevvero?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close

Adblock Detected

Senza pubblicità LezPop non può sopravvivere. Per favore, disabilita il tuo adblocker. Grazie!