We’ve been around: la storia dimenticata del movimento trans #3. VIDEO

Willmer %22Little Ax%22 Broadnax

Non solo Lili Elbe, la protagonista di The Danish Girl: la storia del movimento trans è fatta anche di S.T.A.R., Lucy Hicks Anderson, Little Ax, Lou e Albert. A queste persone, finora, non sono toccati gli onori della cronaca né le grandi produzioni di Hollywood; la serie di documentari We’ve been around può essere l’inizio del loro riscatto storico e morale.

Diretti da Ernst, i cinque brevi filmati di We’ve been around sono disponibili solo online su People, Ew ed Essence, oltre che su Advocate. Tra i produttori c’è Christine Beebe, una delle pochissime donne omosessuali ad essersi spostata in California già nel 2007, prima che entrasse in vigore la Proposition 8 – quella che ha eliminato la marriage equality.

Finora vi abbiamo raccontato le storie di Albert Cashier e di Lucy Hicks Anderson, oggi invece cominciamo con un brano dei Golden Echoes, un quartetto gospel di cui faceva parte Willmer “Little Ax” Broadnax (il ragazzo in primo piano che regge l’asta del microfono).

Le notizie sull’infanzia di Willmer sono piuttosto controverse; il suo nome viene registrato nel censimento del 1930, insieme a quello del fratello minore William e della sorellina Armatha. La sua carriera come cantante gospel, invece, è nota al grande pubblico: grazie alla sua voce dolce e limpida, da tenore leggero, Willmer si trasferisce a Los Angeles nel 1942, insieme al fratello – anche lui cantante – , per registrare un disco.

La sua sky-high voice lo rende il leader prima dei Golden Echoes e poi degli Spirit of Memphis, con cui otterrà fama e successo. Dalla metà degli anni Sessanta, con l’esplosione del rock’n’roll, Willber “Little Ax” Broadnax inizierà un graduale ritiro dalle scene.

La sua morte è controversa almeno quanto l’infanzia: secondo alcune fonti, Little Ax venne accoltellato dalla fidanzata Lavinia Richardson nel maggio del 1992, morendo pochi giorni dopo. L’autopsia rivelò, infine, il suo sesso biologico; il fratello William lo aveva protetto mantenendo il segreto per tutta la vita.

Foto tratta da qui.

Tags

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close

Adblock Detected

Senza pubblicità LezPop non può sopravvivere. Per favore, disabilita il tuo adblocker. Grazie!